Archivio | novembre, 2012

TODI (Gabriele D’Annunzio)

29 Nov

Todi, volò dal Tevere sul colle
l’Aquila ai tuoi natali e il rosso Marte
ti visitò, se il marzio ferro or parte
con la forza de’ buoi l’acclivi zolle.

Ebbro de’ cieli Iacopone, il folle
di Cristo, urge ne’ cantici; in disparte
alla sua Madre Dolorosa l’arte
del Bramante serena il Tempio estolle.

Ma passa, ombra d’amor su la tua fronte
che infoscan gli evi, la figlia d’Almonte,
il fior degli Atti, Barbara la Bella.

E l’inno del Minor si rinnovella;
– Amor amor lo cor sì me se spezza!
Amor amor tramme la tua bellezza! –

Gabriele D’Annunzio

Le bestie so’ loro

29 Nov

LE BESTIE SO’ LORO

Vojo bene a le bestie e a l’omo meno,
che inzozza parchi e vie de cacca e piscio.
Fusse per me, con un bel “busso e striscio”,
a ‘sta vergogna, metterebbe un freno.

Ma che ce stonno a fa’ le guardie urbane
si n’so’ capaci a daje sul groppone
ta chi de l’animale fa el padrone?
So’ loro li zozzoni, mica el cane!

Devrebbeno avé drieto la paletta
e la merda ariccoje ‘ndun sacchetto,
col chitte fatto apposta da “usa e getta”.

Ce vole senzo civico e rispetto
sinnò la démo a loro la porpetta,
che certi la darebbeno al canetto.

 

E-mail: jacopino.tudertino@libero.it

El borgo Ulpiano

28 Nov

Via Ulpiana prenne el nome da Marcus Ulpius Nerva Traianus, imperatore romano (98/117). Li Ulpi, famija origginaria de Todi, se strapiandò in Spagna. Certi storici donno Ulpio Traiano comme nato a Italica, ‘nde la Spagna andalusiana ma, carche andro, scrìe ch’è nato a Todi, prima del trasloco de la famija. Sangue tuderte c’éa! Va aricordato che Porta Romana, prima de chjamasse attusì, se chjamàa Porta Ulpiana.

Ulpianesi d’ocche

Ulpiana

San Nicolò di Criptis nel 1925

1925  San Nicolò de Criptis

Via Ulpiana nel 1920

1920

Via Ulpiana (ospedale) b

Ospedale

Via Ulpiana nel 1910

1910

Via Ulpiana q

Borgo Ulpiano 1926

1926

E-mail: jacopino.tudertino@libero.it

Meglio er porchettaro

28 Nov

Co’ Romelio Moracci (Meglio) eriamo coetanei e tando amici. Tuttieddui ciaveàmo el pallino de scrìe le poesie. ‘Na vorda je ne facetti una io pe’ lue. ‘Sti quattro verzi nun funno màe scritti ma quarcheduno se li arcorda, più o meno. Eccoli:

Meglio fa lo porchettaro
e del babbo è ‘no scolaro.
Lue ‘gni sabbido va a vende
la porchetta ta la gende.
Certo el nome è rinomato
perché el porco è prelibbato
ma Moracci è ‘na carogna,
nel cassetto mette l’ogna.
Meglio dice: “Questi sghei
me li faccio tutti miei.”
Lue se frega un po’ d’incasso,
e lo spenne pe’ lo spasso.

 Arfredo

E-mail: jacopino.tudertino@libero.it

1957: la pottara de Borgo

28 Nov

‘Na fotografia storica (forse del 1957) de la pottara de Borgo. Quarcuno nun c’è più ma è vivo nel ricordo de li borghiciani. Chi s’arconosce dicesse presente! Vedemo se riuscimo a da’ el nome a ‘gniduno de ‘sti potti de allora.

Anco quiste potte vonno in cerca del nome

 

E-mail: jacopinodatodi@virgilio.it

La leggenna del lago d’Aiso

27 Nov

El jorno de Sant’Anna, ‘gni cristiano,
n’avea da lavorà pe’ devuzzione.
Chiarò necò la sanda tradizzione
mettennose a trebbià su l’aja el grano.
Mammango je cascasse el monno addosso
ma lùe ch’era ‘n avaro a più nun posso,

penzanno a guadambiàsse la jornata
se ne fregò, cascanno nel peccato.
Allora el Padreterno, straincazzato,
doppo d’avé Sant’Anna convocata,
vorze punì quist’omo, avaro ed empio,
pe’ da’ ta ‘gni cristiano un duro esempio.

A l’imbruiso, comme un terremmoto,
l’ara se messe a trabballà su e jù.
Correvono crianno. ” Oddioggesù”,
mentre sotto a le pia se crea un gran voto.
Sprofonnò l’aja e l’omi, bestie e trebbia
e tutto fu cuperto da la nebbia.

Quanno sparì la nebbia, el Padreterno,
te fa apparì tullìne un bel laghetto.
Oggi ‘sto specchio d’acqua viene detto
Laco d’Aiso o Abisso o de l’Inferno.
Vedi che vole dì la trasgressione?
Chi sbaja paga e paga da cojone.

Jacopino Tudertino 26 settembre 2012

Lago d’Aiso

El lago d’Aiso, ditto anco lago de l’Abisso o de l’Inferno, se trùa vicino a Beàgna e ène alimentato da ‘na sorgende artesiana. Su lùe sovrasta ‘na cullina, dòe sorge ‘l convendo de l’Annunziata. El laco cià ‘na forma rotonna co’ 30 metri de diametro e 15 de profonnità. La leggenna, tramannata dal londano ‘600, ricconta che un certo Chiarò, tirchio agricultore, vorze trebbiàne el giorno de Sant’Anna, contravvenenno ta la regola che vietàa, in quilla sanda jornata, qualsiasi laòro. El Padreterno, incaòlato, facette sprofonnà ta lùe, ta la casa sua e tal terreno, in fonno a ‘sto laghetto, cumparzo a l’impruìso. La moje e el fijoletto de Chiarò scapporono via ma un rivolo d’acqua je facette la caccia e affogò puro el potto. Se ricconda che, angò oje, de notte, se pòtono sendì le crìa de Chiarò e del fijo.

E-mail: jacopino.tudertino@libero.it

El conte Polidoro

27 Nov

El conte Polidoro Marini Serafini de Todi (è un vizzio de li nobbili vole’ tutto doppio, anche li cognomi) era uno de li più ricchi possidenti del circondario. Oltre al palazzo in città ci aveva, là per Sandamiano, un sei o sette poderi co’, llà mezzo, la casa padronale. La casa padronale je la puliva la moje del casengo, e quanno el padrone dovea fermasse perché piovea o perché je s’attardava qualche lavoro ‘sta serva je facea pure da magnà.  Però a forza de sta’ soli, e siccome ‘sta serva era giovine e grassottella, annò a finì’ che ‘l conte ce fece quello che ce fece. Li poderi erono parecchi, le voje non te ne dico, cusì el padrone stea sempre tullì, e daje oggi e daje domani tutti e dui (dui prulare de due) ce se ‘nvizzirono. Ma un giorno, come spesso succede, el marito ce li chiappò. Strilli, urli e improperi tanto che ‘l conte, per appianà la quistione, je firmò ‘na cambiale da du’ lire, che allora erono tante. E tutto finì lì. N’era passato manco un mese che el marito ce li chiappò un’andra vorda. El conte, per non sintì’ la sbaccajata, che fece? De corsa artirò su un’andra cambiale ma, siccome s’era rotto li cojoni, ce scrisse: “Io sottoscritto conte Polidoro Marini Serafini aceto (dovea scrive accetto, ma lo fece apposta) di pagare lire due al portatore di questa cambiale. E firmò.” El sabbito doppo el marito de la serva va a Todi su la banca (che però el conte s’era premurato d’avvertì’) per ritirà li soldi. Ma l’impiegato, dataje un’occhjata e girato due o tre volte el fojo de la cambiale tra le mano, je disse: “Nun ve la posso pagà. Quì c’è scritto “aceto” mica “accetto!” La storia finì in tribbunale, quello sopre a la farmacia de Pirrami. El giudice per potecce capì’ quarche cosa, e anche perché l’impone la legge, chiamò a testimonià un contadino del vicinato. Ma el contadino, e tutti sanno comme so’ fatti li contadini, tentennò la capoccia e rispose: “Io l’ho visto un sotto e un sopre e un culo che se moveva ma nun posso fà’ el giuramento perché non so’ si stea fori o stea dentro.”

Moracci Romelio

E-mail: jacopinodatodi@virgilio.it