El tamburo

30 Gen

Cassettina

El Commune de Todi, ‘ntel millequattrocendoquarandotto, avéa pijato l’abbitudine de mette, ‘nte un loco pubbrico, ‘na cassettina, chjamata “tamburo”. Li cittadini potéono ‘nfilacce drendo ‘na spece de pizzini, coi quali se potéa dinuncià le cose che nun jàono bene, le propie lagne e li conziji pe’ quilli che stéano a commannà. El nome “tamburo” voléa significàne che quillo che stéa scritto, in quei bijettini, sirebbe stato preso in conziderazzione. Se vede, peròne, che ‘l tambureggio déa un po’ fastidio a li ministratori de la città, conziderato che, de ‘st’usanza, doppo carche tembo, nun se ne fice più gnende. ‘Ntel millecinguecendottandasei, ‘l Papa Paolo III, ordinò tal Commune de ripristinà quista tradizzione. Li Priori doéano aprì  ‘l tamburo prima de ’gni rinione del Cunzijo e mettese a discute le proposte che venìano fatte, scartanno li bijetti che erono ‘nfamanti.
Che granne senzo de la dimocrazzia che ciaeàmo! Però sorge spondanea ‘na dimanna: “ Quanni cittadini, de quilli tembi, sapéano legge e scrìe?”

Jacopino Tudertino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: