Laude a Jacopone (Pasquino da Todi)

25 Feb

Jacopone monumento

Jacopo Benedetti nacque a Todi nel 1230 da famiglia nobile e studiò legge a Bologna. Ritornato a Todi, esercitò la professione di procuratore e nel 1267 sposò una nobildonna, Vanna di Guidone, figlia, secondo alcune fonti, di Bernardino, Conte di Collemedio o Colledimezzo. La moglie ebbe un anno dopo, durante una tragica circostanza, un’influenza decisiva sulle decisioni spirituali di Jacopone. Infatti, nel 1268, mentre assisteva ad una festa dall’alto di una tribuna provvisoria, Vanna morì per il crollo della stessa. Jacopone, accorso affranto presso la consorte morente, scoprì che sotto le vesti, essa portava un tessuto di crine, in segno di penitenza per i peccati del marito. Jacopone rimase sconvolto da questa scoperta e decise di abbandonare la sua professione e di vendere i suoi beni. Per i successivi 10 anni visse secondo le usanze dei terziari francescani e, vestito con un saio, compì delle frequenti penitenze pubbliche sull’orlo della follia mistica, diventando lo zimbello dei ragazzi di Todi e guadagnandosi il soprannome spregiativo di Jacopone.
Nel 1278, dopo qualche esitazione egli fu accettato nell’ordine francescano, e si ritirò nel convento di San Fortunato a Todi. Tuttavia, neppure qui ottenne la pace, poiché i suoi confratelli parteggiavano per la corrente dei francescani conventuali, interessati ad un ammorbidimento della dura Regola francescana, mentre le simpatie di Jacopone andavano per l’altra corrente, quella degli spirituali, che volevano mantenere lo spirito di povertà e di rinuncia ai beni dell’originario spirito francescano e che furono sempre più perseguitati dalla Chiesa.
Nel 1294 Jacopone fu tra gli spirituali, capeggiati da Angelo Clareno da Cingoli, che chiesero ed ottennero da Papa Celestino V (1294) di poter vivere isolati per praticare l’ascetismo in maniera più incisiva. Tuttavia la situazione cambiò radicalmente con il successore Papa Bonifacio VIII (1294-13039), che revocò la concessione e perseguitò gli spirituali.
A questo si aggiunse la malaugurata decisione di Jacopone di schierarsi a fianco dei due cardinali, Jacopo e suo nipote Pietro, membri di quella famiglia Colonna, oppositrice dei modi e dei metodi, utilizzati da Benedetto Caetani per accedere al soglio pontificio come Bonifacio VIII, dopo il “gran rifiuto” di Celestino V. In particolare essi appesero in tutte le chiese di Roma il 10 Maggio 1297, un manifesto, detto di Longhezza, compilato da Jacopone in persona, che chiedeva la convocazione di un nuovo concilio e denunciava le malefatte di Bonifacio, dichiarato decaduto. Lo stesso Jacopone prese ad attaccare Bonifacio nei suoi versi con una notevole violenza.
Il Papa non fece attendere la sua risposta: scomunicò sia i due cardinali che Jacopone e nel Settembre del 1298 fece espugnare dalle sue truppe la roccaforte della famiglia Colonna, la città di Palestrina. Jacopone fu catturato e imprigionato nella rocca della città dove rimase per ben 5 anni, non potendo usufruire neppure di un perdono in occasione del giubileo del 1300. Infatti, solo dopo la morte di Bonifacio, nel 1303, Jacopone fu liberato e si ritirò nel monastero delle Clarisse di San Lorenzo di Collazzone, dove morì la notte di Natale del 1306. Egli viene comunemente definito Beato, sebbene un vero proprio processo di beatificazione a suo carico non è mai stato iniziato. Jacopone è famoso per le sue (circa) 100 laudi (ballate d’argomento sacro) in volgare e per gli inni in latino: Stabat Mater Dolorosa e Stabat Mater Speciosa.

Laude a Jacopone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: