Todi: arti e mestieri medievali

15 Giu

Viale Menecali 1930

1935 – Le “casette” , nel Viale Menecali, vengono demolite

 

Viale Menecali  (Le casette)

1935 – Le “casette” , nel Viale Menecali, vengono demolite

 

Li labboratori artiggiani erono, pe’ lo piùne, poco spazziosi e se truàono sotto l’abbitazzione del fabbricere istesso: casa e bottega. Li garzoni (angò potti) venìono assunti col beneplacido del babbo o d’un tutore e nun pijàono manco ‘l becco d’un quattrino, anzi, era ‘l Maestro che venìa pagato da la famija del cusìdditto valletto. El periodo de l’apprendistato duràa puro fino a diecianni, se ‘l mestiero da ’mbarà era difficile. L’artiggiano potéa affittà el bardascio, o anco vennelo, ta un collega e l’apprendista cuminciàa a prenne ‘l salario solo doppo un esame su le sue capacità e sul suo acquisito apprendimento. Lùe armanéa a casa del Maestro fino a tarda sera e ce pranzàa puro, assieme a tutta la famija, tando pe’ nun faje perde tembo sul laòro.
El laboratorio fungéa puro da bottega de smercio de li prodotti che venìano fatti e stéa, de solito, al piano de la via. Si c’era un fondaco (fondo, magazzino), quisto era utilizzato come stalla e fienile pe’ li muli e li somari.
Le famose “casette”, costruìte addosso ta le mura, in Via Abdon Menicali, buttate jù nel 1935, andro nun erono che botteghe co’ sopra le abbitazzioni de le famije de li Maestri artiggiani.
El commercio venìa esercitato, pe’ lo piùne, da li produttori istessi de li manufatti e quisti erano tenuti a rispettane certe norme che tutelàono chi combràa. Le bilance (co’ tando de marchio communale) doèano esse “rette, giuste e co’ le braccia e le corde uguali”. El compratore potéa controllà e fa ripete più vorte la pesata.
Le corporazioni erono ragguppamenti de quilli che facéano l’istesso mistiero o arte. L’affijati a ‘ste associazzioni se riunìano, giuranno d’esse compatti pe’ difenne l’interessi communi e s’ajutàono tra de loro in ogni caso de bisogno. Nun era facile entracce e chi voléa fallo ciavéa da pagàne ‘na bella tassa e dovéa esse fijo o parente stretto d’uno che stèa già affijato. Niciuno potéa esercità el mestiero si nun era membro de la corporazzione in quistione. Un po’ comme l’albi professionali de oji. El monno sociale e economico medievale, tra ‘l ducendo e ‘l trecendo, se basàa su ‘sto tipo de associazionismo, cosicché, certe corporazioni, erono divendate istituzioni ricche e potenti, tando da ‘nfluenzà el guerno de la città su le scelte pulitiche e ministrative. A Todi, quille che ebbero peso e potere, funno: li giudici e li notari, li medici e li spezziali, li pizzicajoli, li calzolarji, l’orefici, li tavernieri, li fabbri, li conciapelle, li mercanti, li falegnami, li cappellari, li sarti, li barbieri, li vasai, li beccari, li muratori e li lanajoli. El potere de ‘ste confraternità ‘ngominciò a scemasse doppo la Rivoluzzione Francese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: