Archivio | agosto, 2013

Le frazzioni de Todi: Crocefisso

29 Ago

Frazioni e territorio tuderte

Crocefisso b

Da “Todi e i suoi castelli” di Franco Mancini

SS. CROCIFISSO Popolazione (1808): 775; (1951): 1413. La mattina del 3 maggio dell’anno 1591, alle ore 12, mons. Angelo Cesi, vescovo di Todi e chierico di Camera, si recava fuori Porta Romana, nella località della Piòbbica (Via pubblica), per benedire la prima pietra destinata alla costruzione di una chiesa da intitolarsi al SS. Crocifisso. Nel luogo, dove il tempio sarebbe poi sorto, esisteva un modesto tabernacolo con l’immagine di Cristo crocifisso, dipinta l’anno 1390 e restaurata, nel 1566, da un devoto artista spagnuolo. L’immagine (denominata Maestà delle Forche) era ormai famosa per molti strepitosi miracoli: innumerevoli e di gran valore i doni dei devoti. (Nel 1587 i priori del Comune avevano perciò provveduto a far rimuovere le forche drizzate nelle immediate vicinanze). La « fabbrica » fu iniziata nel 1592, essendo stato scelto il disegno di Valentino Martelli, tra quelli presentati da Ludovico Carducci e da Pompeo Scarsoni, rispettivamente architetti di Urbino e di Foligno. Nel 1610, essendo sorte divergenze sul sistema da adottare perla costruzione della cupola) vennero sospesi i lavori e si dette al tempio una copertura che doveva essere provvisoria, ma che risultò poi quella definitiva. Il 7 luglio 1666 i monaci olivetani, che stavano a San Silvestro, passarono al Crocifisso e quivi dimorarono sino alla metà del giugno 18io: nel nuovo convento morì (1761) l’abate Isidoro Gazzali, confessore di suor Chiara Isabella Fornari, monaca francescana: fu sepolto in cornu epistolae, non molto lontano dall’altar maggiore, per volere dell’abate Giorgio Benedettoni (che venne a sua volta tumulato nella parte opposta). Nel territorio dell’attuale parrocchia del SS. Crocefisso si trovano numerosi conventi: importantissimo quello di Sant’Agostino fuori Porta Romana, che, nel 1395, aveva alle sue dipendenze due ospedali, l’uno intitolato a San Paolo, l’altro, a Sant’Antonio. La sua demolizione (sotto l’altar maggiore fu trovata una cassa di piombo con più di sessanta reliquie) avvenne nel 1557, dopo circa due secoli dal trasferimento dei monaci agostiniani a Santa Prassede. Convento pure famoso era quello di Montecristo, più volte citato, e gli altri di Santa Maria Maddalena (il quale, fondato nel 1235 per monache francescane, venne nel 1367 fatto sgombrare dal Comune, che volle rafforzata la difesa delle mura castellane) e di Santa Maria Nuova (per mo¬nache agostiniane prima, e poi per frati cappuccini; oggi, ricovero Veralli-Cortesi). Tra le chiese scomparse si citano San Gervasio, San Gre¬gorio della Naia (nel luogo oggi detto La Pia): a quest’ultima, ricordata in documenti del 1300, era unita una collegiata di priore e quattro canonici. Notevole, poco prima del Bivio Cappuccini, a destra di chi scende da Porta Romana, la Maestà dei Lombardi, che ricorda una chiesa omonima caduta in rovina nel sec. XVII. Altra « maestà » era quella del Broglino, inclusa poi nella graziosa villa fatta costruire nel XVIII sec dal cardinale Lodovico Anselmo Gualtieri vescovo di Todi. Si chiamava, infine, Vallano o Villa Nottole una distrutta villa tra il monte dello stesso nome e il torrente Naia (Pian di Nottole). La zona risulta anche disseminata di torri dai nomi pittoreschi: Torre d’Astorello (o Candia o Cane), Torre Squadrata (costruita probabilmente sui ruderi di una statio romana lungo raccordo Tuder-Vicus Martis), Torre del Torrotto (presso l’ex Convento dei Cappuccini), Torre Valenti (o Valente; vicino alla Naia. Ancora ben conservata, essa costituisce uno dei migliori esempi di fortificazione quattrocentesca; deve il suo nome alla famiglia Valenti di Todi), Torre di Valterotto (oggi Cascianella); a sinistra della strada che mena a Ponte Naia.

Crocefisso 1924 (Cascianella-Torre del Valterotto)

1924 Cascianella (Torre del Valterotto)

Crocefisso nel 1938

1938

Crocefisso (Torre del Torrotto)

Torre del Torrotto

Crocefisso m

Crocefisso nel 1924

1924

Crocefisso

 

Chi cià vecchie foto o conosce fatti e misfatti avvenuti al Crocefisso pote inviamme documentazzioni e scritti, che siranno messi a integrazzione de li cenni storici sopra pubblicati

Jacopino Tudertino

jacopino.tudertino@libero.it

Annunci

Aforismi, pensieri, proverbi (terza serie)

28 Ago

Pontecuti (anni trenta)

 

 

Chi magna dolge, pu caca amaro
Laorànno nun s’è arriccato màe niciuno
El frate modesto nun divenda màe priore
Tra socera e nora ‘l diàolo laòra
El pejo viene sembre de drieto
La lengua batte dòe dole el dente
‘Na volta curre el cane e l’antra vorta el lepore
La minestra vanzata, la sera va magnata
Chi rubba cià la robba, chi lavora cià la gobba
La donna è comme la castagna: fora è bella, drendo c’è la macagna
Si bene vole stà, ciai da bée e da magnà
Chi fa la legna se scarda du vorte
C’è chi paga tabbelle e chi magna a jummelle
Senza lilleri nun se lallera
La bràa coca co’  ‘n occhio ‘mpana e co’ quill’andro frigge
Si voi un tozzo de pane, datte da fane
El lupo caca li lupetti
Basta ‘na luda p’appiccià el foco
Era mejo quanno jìa peggio
Pe’ fa’ allidà el laòro, tocca mòe le mano
Chi nun more s’arivede
Metichi e guerra spopolono la terra
La speranza nun pole esse fija de l’impazzienza
L’acqua fa male mentre el vino fa candà
Al cane che morcica, metteje la musarola
‘Gni lasciata è perza
Parlà ta la nora perchene socera ‘ntenna
Mejo lascià l’odore che la puzza
El medeco pietoso fa la piaga dolorosa
Spesso chi nun pote dì’ male se l’immenta
Acqua passata nun macina piùne
Chi magna da solo se strozza
Trùi ‘n amico, trùi un tesoro

El ladro de la farina cià la mano bianga
Méce de piagne è mejo ride
Chi casca in poertà perde ‘gni amico
Perde e murì dispiace ta tutti
El ricco arcoje pure le mojiche
Si è bono el vino c’è sta attorno un muscillino
Bisogna fa’ el passo siconno le cianche

Aforismi, pensieri, proverbi (seconda serie)

27 Ago

La superbia (2)

 

Mejo ‘na ficcenna fatta che mille cuminciate
La stràa bona nun fu màe longa
Mejo perde ‘n amico che ‘na risposta
Co’ menzo cucchiarino d’ascenzo spariscono li vermi
El sorce, sotto la risca, nun ce cicca
Si hai fatto cilecca arprùece
Mejo esse ’n attaccagnino che cambà sembre supino
Chi va a acchiappà le ranocchie s’allota.
La sera abbisogna fa’ arrendrà l’oche
La suberbia partì a cavallo e artonnò a pedagna
La terra abbagnata appattuma l’arato.
Nun te fidà de l’acqua ferma ché è quilla che affoga.
Jieri, se facéa’ l’addimanno, mo nun la vòi ma isse te la danno
La veritane è che c’è chi somenda e chi arcoje
L’acqua nun se ‘mbastiga
Co’ l’accetta nun se butta jù ‘na cerqua.
Spesso non s’arcapezza chi è l’acciaro e chi la lima
La bucìa, comme l’ojo, vene sempre a galla
Non c’è gnente de mejo del fico co’ la goccia
Quanno la scarpa è stretta bisogna ‘nformalla
L’amore e la jelosia se fonno combagnia
Fa prima uno a spalià che dieci a ardunà
Cunzijo de gorbi, strigazzione de galline
Chi maneggia el mele se lecca li diti
El pane de casa stufa
La mamma arcutina, el fijo spalia
Gnisciuno nasce ‘mparato
Quillo che succede de notte se viene a sapé de jorno
La palomma va mollata col sugo de la leccarda
Chi mena per primo mena du’ vorde
Mejo ‘n zordo guadambiato che dui rubbati
A forza de dillo ce se crede
La casa alloggia ma nun guèrna
El poeretto paga tasse e c’è chi magna a du’ ganasse
El tordo dòe magna more
Ta li gorbolotti nun je ‘mpari la tana
Màe accostasse ta li cani guasti
Pe’ fa’ piòe e pe’ cagà, nun bisogna Dio pregà
Se laòra e se fadiga pel pane e pe’ la figa
‘Nghi le zucche currono jù la scenda

Aforismi, pensieri, proverbi (prima serie)

25 Ago

Monastero delle Lucrezie 1935                   Monastero delle Lucrezie nel 1935

Amico de tutti, amico de gniciuno
Da un farzo nun pijà màe parola
C’è chi predica el dijuno co’ la trippa prena
Quanno ‘l diàolo t’accarezza, vole l’anema
Quanno la chjàe nun ce fa, hai sbajato portone
Le fàe, comme le coci le coci, sembre fàe so’
Le femmane? Una pe’ candone e la casa fusse tonna
La pianda s’addirizza quanno è ciuca
L’erba gattìa nun more màe
I guai de la pendola li sa el cuperchio
Chi vole chjappà tando, pu nu’ stregne gnende
El momendo del cojone passa ta tutti
P’ogni culo c’è la frusta sua
El mejo amico è quillo che ciài ‘nte la saccoccia
El vino vecchio pija de cerquone
La pecura che sbela perde ‘l boccone
Co’ la canfera ammollata el furminante nun s’accenne
La cecala canda, canda e pu crepa
Mejo un candafàole che un pulitico
Pretenne l’onestà da un pulitico è comme volé fa’ piagne li sassi
S’è de paja, er foco, dura assàe poco
El tafano se posa sul zomaro più fiacco
Fino a la morte ‘gni cojone ciarrìa
Anghi l’occhio vole la parte sua
Mejo a parlà co’ ‘n ciocco che co’ ‘na femmina
Li brugni cerbi allappono
Quanno candano i cricchi è ora de mète
Le cerque nun onno màe fatto cerase
El cane che abbaja de londano nun morcica
Ta l’ucello ‘ngordo je crepò ‘l gozzo
‘Na mela fracia ne fracica cendo
Li carzoni nun fanno l’omo
Pe’ cendo frati abbasta ‘na cambana
Le braùre de gioendù se scondono in vecchiaja
Nun se pole caccià l’acqua col canestro
Quanno tandi galli candano nun se fa màe jorno
Bisogna batte ‘l ferro quann’è callo
Bocca unda nun disse màe male
Chi se consija da solo, solo se artrùa
Si se vole tajà l’erba la falge va accodada


TODI: attusì ce la ricconta Tenneroni (pag 1)

22 Ago

Tenneroni intitolazione

Aquila di Todi 2

Tenneroni 1

Tenneroni 2

Tenneroni 3

Tenneroni 4

Tenneroni 5

Foto storiche: nona serie

20 Ago

Circonvallazione 1913

 

Circonvallazione nel 1938

 

Giardini Oberdan 1910

 

Giardini Oberdan 1920

 

Panorama con Porta Perugina nel 1898

 

Panorama con Porta Romana nel 1920

L’acquedotto novo

16 Ago
‘Ntel 1925 se misse mano a fàne ‘l novo acquedotto communale. Un’opra tamanda e quiste fotocrafie mostrono li laòri de sbangamendo del piazzale de la Rocca, pe’ mette el serbadojo sottoterra. Pe’ la cronica, ‘sto serbadoro, ciaéa la capacità de un mijone e ducendomila lidri d’acqua.

Nuovo acquedotto 2

Nuovo acquedotto 1

lavori acquedotto 2[1]

lavori acquedotto[1]