Archivio | ottobre, 2013

Tutto Rocca

19 Ott

Per la Rocca

Rocca 1920 (La Femmina e il Maschio)

1920

Rocca 1930 (il Maschio e la Passeggiata)

1930

Rocca (il pascolo)

Rocca (La femmina e el potto) SI

1958

Rocca (sopra la Passeggiata)

Rocca l

Rocca nel 1920 (la Femmina e la Consolazione)

1920

Rocca nel 1930 (Viale dei Caduti)

1930

Rocca nel 1930

1930

Verso la Rocca

Rocca  (Maschio)

Rocca (I leoni) b

Rocca (I Leoni) g

Rocca (i Leoni) m

Rocca (il Maschio)

Rocca (Il Mastio) b

Rocca (Leoni)

Rocca nel 1908 (il Mastio)

1908

Rocca nel 1910 (il Mastio)

1910

Rocca nel 1961 (il Maschio)

1961

Nuovo acquedotto 2

1926  (lavori nuovo acquedotto)

Nuovo acquedotto 1

1926  (lavori nuovo acquedotto)

lavori acquedotto 2[1]

1926  (lavori nuovo acquedotto)

lavori acquedotto[1]

1926  (lavori nuovo acquedotto)

Aforismi, pensieri, proverbi (sesta serie)

17 Ott

Rocca 1920

La Rocca nel 1920

L’anzagnolo nun serve soltando a fa’ le sfoje
Gende alecra Dio l’ajuta
Nun c’è verzo, si le cose fai a l’anderzo
‘Na lengua muta ne zitta cendo
Omo sposato, ucello ‘ngabbiato
La patana coi morri, o la magni o la smorri
Chi spizzica nun diggiuna
Sassi e spini, jul campo dei vicini
Donna sfacciata, daje ’n’acciaffata
Chi lassa la stràa vecchia pe’ la nòa, male s’artròa
Pe’ capì un cojone ce ne vole ‘n andro più grosso
Si el mazzetto de fiori è ciuco daéro, l’amore è sincero
C’è chi somenda e chi arcoje
Li fiji s’addirizzono da potti
Si el tembo slamba e piòe, ‘rmani a casa e nun te mòe
El mejo accunnimendo è l’appitito
El brugno acervo allappa ‘nguastito
Màe mette la stoppa accosto al foco
Chi cerca trùa e chi cammina ‘nciambica
Dio aòcchja, pu li fa e li accoppia
La speranza fa la rima co’ costanza
Chi storza cià la coscenza sporca
Nun tocca vestisse co’ la robba de l’andri
Finita ‘na croce, n’arcomingia un’andra
Quann’è ora, l’anzalata, va strapiandata
Nun è sembre oro quillo che arluccica
L’àbbise spuntato va appizzutato
Architempo de sera, bon tembo se spera
La legna bagnata fa solo fume
Chi guèrna, ammazza, ammazza, so’ tutti ‘na razza
Ogni giorno se ne ‘mbara una nòa
Tal muro basso c’è sembre chi s’appoggia
Nun se spuda e nun se piscia condrovendo
Se er Bucaccio è tutto scuro piòe a Todi de sicuro
Ajuta li tui e doppo l’andri, si poli
Co’ la coscenza sporca el diàolo t’annorca
Donna scembrellosa nisciuno la sposa
La morte appara ‘gni cosa
Moje arfujata nun va riaccasata
Doppo la riaùta ce pote scappà la bella

La Cattedrale

16 Ott

La Cattedrale

Dal 1950 al 1958, la Cattedrale della santissima Annunziata (chiamata comunemente “il Duomo”) restò chiusa al culto per lavori di ristrutturazione e restauro. Di stile romanico – gotico, fu edificata nel dodicesimo secolo e sorse sopra una struttura di epoca romana, presumibilmente il tempio sacro al dio Apollo. Nel 1190 soffrì un rogo che la distrusse quasi completamente, mentre, nel 1246, si dovette intervenire per riparare i danni di un terremoto. Si terminò la costruzione nel quindicesimo secolo ed in seguito fu più volte modificata da interventi, spesso, scriteriati. La facciata è del tredicesimo secolo e fu anch’essa ripetutamente modificata. L’ultima modificazione avvenne nel cinquecento. La sua torre campanaria appartiene al tredicesimo secolo e sulla sua cuspide si intervenne, appunto, durante i lavori effettuati negli anni che vanno dal 1950 al 1958. Essa fu abbattuta, sia per motivazioni estetiche che per rimuovere il suo enorme peso che comprometteva la staticità della torre campanaria nel suo complesso. Ad abbatterla, nel 1951, fu la ditta edile tuderte di Ferdinando Nizzo. Di questo intervento è storico documento la foto, che ritrae gli operai sull’impalcatura eretta all’interno della cattedrale. In quei tempi non esistevano le strutture in ferro per fare impalcature ed è veramente un documento eccezionale questa foto che mostra quanto legname fosse necessario e quanto bravi fossero i carpentieri tuderti. Certo è che lavorare su di una simile struttura era molto pericoloso. Oggi, l’Ispettorato del Lavoro, farebbe arrestare il titolare della ditta.

Cattedrale 1951 ridotta

Palcatura all’interno del Duomo nel 1951

Cattedrale 1951.jpg palcatura alta

Settore alto della palcatura in legname

El brecciarolo

12 Ott

Scriéa Giovanni Tenneroni, ‘ntel 1989 su Famija Tuderte: “C’era ‘n omo che frabbicàa la breccia………. Nun so comme se chjamasse…”

El brecciarolo

Disegno di Giovanni Tenneroni


Carcheduno s’aricorda de quill’omo, sieduto sopre ‘na piedra, ‘nte lo spiazzo dòe c’è ‘l ferro de cavallo de la Conzolazzione, che spaccàa e trituràa li sgoji? In mano c’éa un martello e stéa tramezzo tal mucchio de sassi angò da spaccà e quillo del breccino già fatto. Sotto ‘l sole o col tempaccio, frantumàa co’ corbi pricisi le pietre infino a falle divennà pietruzze cinine cinine. Un par d’occhiali proteggéano l’occhi ta le scaje che schizzàono via pericolosamente e un cappellaccio j’ariparàa la capoccia tal sole. Accando un fagotto, co’ drendo ‘na bottija de vino annacquato o acetello e magaro pane e formaggio pel pranzo. Da la leàta del sole al tramonto, corbo su corbo, martellata doppo martellata. Le mano ‘ncallite, screpolate e sgraffiate. Dice Tenneroni de nun sapénne ‘l nome. Già, era uno de li tandi ma li tuderti più anziani se aricordano de Pietro Giacchè, classe 1846, un brecciarolo, uno de quisti spaccapiedre. ‘N andro brecciaro fùne Romualdini Erminio, forze de li primi del novecendo. Le strade sterrate de Todi divendàono tranzidabbili col breccino sparpajato, fatto da questi infaticabbili laòratori. Li chiamàono spaccapietre, brecciari o brecciajoli. Umili ma grandi figure, ‘nte l’istesso tempo, che onno contribbuito, col propio sudore, a fa’ un ticchio de storia de la nostra Città.
Jacopino Tudertino

 

Romualdini  Erminio (brecciarolo)

Romualdini Erminio (brecciaro)

Foto storiche: undecima serie

11 Ott

1926 Corse dei carrettini

Corsa dei carrettini nel 1926

Canonica 1923 (eremo camaldolesi)

Canonica 1923 (eremo camaldolesi)

Cordigliano 1920 (il castello) SI

Cordigliano 1920 (il castello)

Pesciano 1922

Pesciano 1922

Romazzano nel 1923 SI

Romazzano 1923

Torregentile 1920 (torre olivola) SI

Torregentile 1923 (Torre Olivola)

Senna, Marzio e Argatasso

5 Ott

Aquila di Todi 1

‘N TICCHIO DE STORIA E TANDA LEGGENDA

Marco Terenzio Varrone, nascette a Rieti ‘ntel 116 a.C. e fune considerato da sembre “il più grande erudito romano”. Lue scrivéa: “ Todi è ‘na città umbra posta su ‘n erto colle, londana dalla Tuscia mille passi e circondata da tre fiumi: ‘l Tevere, el Naia e el Rio.”


A fondalla fune Perse, fijo del re de Chiusi. Perse, in fuga da Porsenna, re de li Tusci, arriò presso un colle che venìa chiamato Collemezzo. Mentre lue e la gente sua stèano a costruì le mura, apparze un’aquila che tenéa tra l’artji un drappo che lassò cascà su ‘na montagna. Perse lo prese comme un segno de li Dei che indicàono dòe costruì la città. Pu, l’aquila, ‘ngomingiò a inseguì certi celli rapacissimi, ucidennone tandissimi, comme a di’ che se prospettàa pe’ la costruenda Città un futuro bellico favorevole. El giorno doppo, Perse e li seguaci sui iniziarono a costruì la rocca sul monte indicato da l’aquila. ‘Sto monte fu chiamato Aventino (dal verbo“ad ventare” che vole dì’ “giungere”). In poco tempo, più de diecimila omi, se metterono a cultivà li pendìi del monte, tanto era ricca e fertile la terra. Pu ce fune ‘n andro segno divino: comparzero sul celo ’na caterva de celli a svolazzà sopra le capocce de li senatori, che stèano a scervellasse su quale nome dà ta la Città. Siccome ‘sti celli se chiamàono toti, je dettoro ‘l nome de Toterzia. La città c’ebbe un grandissimo sviluppo e doppo un secolo era famosa, ricca e potente.
L’abbitanti de Chiusi erono invidiosi de la fortuna de Toderzia, tando da concepinne un odio profonno. Allora commannarono a Senna, famoso generale, d’assedià e distrugge Todi. Lue arriò co’ settanta coorti, trendacingue ufficiali, ducendocinquanda frombolieri, milletrecendo fanti, tandissimi arceri e assediò la città. Todi je inviò li parlamentari co’ l’ordine d’annassene dalla terra loro endro tre jorni e si nun lo facéa je sarebbero cascate addosso l’ira e le armi de li tuderti. Senna arispose che nun volèa attaccà la Città ma che ciaèa l’intenzione de costruinne una pe’ conto suo. Chiese ‘l permesso, dicenno, che se je venìa negato, arebbe fatto la guerra. “Ah, sine!” dicettero li tuderti. Allora, Marzio, eroico tribbuno militare, assieme a ‘n gruppo de soldati scelti, sorte de notte da la Porta Bovinaria e attacca l’accampamento nemico, cojennolo nel sonno. Facettero ‘na stragge, ammazzanno undici centurioni, trenda prefetti di coorte, quaranda frombolieri e quattrocento fanti. Il resto de l’esercito de Senna scappò, lascianno tutto quillo che s’era portato appresso. Todi se arricchì angora de piùne e Marzio fu esaltato e se costruì, in suo onore, la Porta Marzia. Senna se riparò a Narni, città da lue fondata e, aùte truppe ausiliarie, tornò a Todi, penzanno d’entrà de notte co’ le scale e li rampini. Ma li tuderti, appena visto che lue stèa ‘ntel propio territorio, facettero ‘na sortita, catturaranno guasi tutti li soldati nemici, cosicché Senna, co’ li pochi arimasti vivi, se n’artornò a Narni. Senna, che avèa ‘mbarato la lezzione e capito che nun ce stéa gnende da fane contro un popolo accosì bellicoso, decidette d’usà l’inganno, corrompenno Pirro, sacerdode de Giove, che era ‘n omo malvagio e che tradì la sua gente.
Doppo esse riuscito a entrà in Città, indossanno umili vesti, Senna se rese conto della ricchezza de li tuderti e de piùne se convinze che dovéa conquistalla. Allora facette a Pirro la prumessa che arebbe ‘impalmato la fija sua, che nun truàa marito, si l’avesse aiutato a fa’ entrà de nascosto li armigeri sui, tradenno la Patria. Pirro accettò quisto patto scellerato e Senna, riannato a Narni, approntò ‘na leggione e tornò novamente sotto le mura de Todi. Pirro corruppe, col denaro, puranco Giuliano, omo avido e senza amor de Patria e assieme facettero passà le soldataje, forti de quattrocendo arceri appiedati, guidati da cinque centurioni, pe’ li cuniculi sotterranei. Presi nel sonno, più de vendiimila tuderti funno ammazzati e l’andri funno messi in fuga. Scambò a la morte Argatasso, che co’ pochi amici scappò da la Porta Liminaria e se ariparò presso l’Arcadi. Lue, memore de la Patria, ottenuto el loro appoggio, tornò a Todi e la libberò. Pirro e Giuliano funno assotterrati vivi e Argatasso tajò la capoccia a Senna, che, infilzata ta ‘n’asta, fune posta in cima a l’Aventino. El popolo acclamò Argatasso e lo cuprì de gloria e de onori. Quanno Argatasso morze, l’anno doppo, je facettero ‘na statua de marmo, appresso ta la Porta Ferrea, ‘ntel tembio de Marte e, tullìne, lo seppellirono. Sul mausoleo de Argatasso fune scritto: “ARGAT. PONT. PATRIAE REDEM. UNICE SA¬LUT. PRO MERITIS EIUS ET SOBOL. MARTI DI QU. M. TUDERTES EREXERE PERPE”.
Todi fune riparata de le devastazzioni fatte da Senna e passò, pu, un lungo tembo de pace e prosperità, guvernata da li fiji de Argatasso.

Anghi quista è storia tuderte

2 Ott

Vincitori concorsi

risveglio