Senna, Marzio e Argatasso

5 Ott

Aquila di Todi 1

‘N TICCHIO DE STORIA E TANDA LEGGENDA

Marco Terenzio Varrone, nascette a Rieti ‘ntel 116 a.C. e fune considerato da sembre “il più grande erudito romano”. Lue scrivéa: “ Todi è ‘na città umbra posta su ‘n erto colle, londana dalla Tuscia mille passi e circondata da tre fiumi: ‘l Tevere, el Naia e el Rio.”


A fondalla fune Perse, fijo del re de Chiusi. Perse, in fuga da Porsenna, re de li Tusci, arriò presso un colle che venìa chiamato Collemezzo. Mentre lue e la gente sua stèano a costruì le mura, apparze un’aquila che tenéa tra l’artji un drappo che lassò cascà su ‘na montagna. Perse lo prese comme un segno de li Dei che indicàono dòe costruì la città. Pu, l’aquila, ‘ngomingiò a inseguì certi celli rapacissimi, ucidennone tandissimi, comme a di’ che se prospettàa pe’ la costruenda Città un futuro bellico favorevole. El giorno doppo, Perse e li seguaci sui iniziarono a costruì la rocca sul monte indicato da l’aquila. ‘Sto monte fu chiamato Aventino (dal verbo“ad ventare” che vole dì’ “giungere”). In poco tempo, più de diecimila omi, se metterono a cultivà li pendìi del monte, tanto era ricca e fertile la terra. Pu ce fune ‘n andro segno divino: comparzero sul celo ’na caterva de celli a svolazzà sopra le capocce de li senatori, che stèano a scervellasse su quale nome dà ta la Città. Siccome ‘sti celli se chiamàono toti, je dettoro ‘l nome de Toterzia. La città c’ebbe un grandissimo sviluppo e doppo un secolo era famosa, ricca e potente.
L’abbitanti de Chiusi erono invidiosi de la fortuna de Toderzia, tando da concepinne un odio profonno. Allora commannarono a Senna, famoso generale, d’assedià e distrugge Todi. Lue arriò co’ settanta coorti, trendacingue ufficiali, ducendocinquanda frombolieri, milletrecendo fanti, tandissimi arceri e assediò la città. Todi je inviò li parlamentari co’ l’ordine d’annassene dalla terra loro endro tre jorni e si nun lo facéa je sarebbero cascate addosso l’ira e le armi de li tuderti. Senna arispose che nun volèa attaccà la Città ma che ciaèa l’intenzione de costruinne una pe’ conto suo. Chiese ‘l permesso, dicenno, che se je venìa negato, arebbe fatto la guerra. “Ah, sine!” dicettero li tuderti. Allora, Marzio, eroico tribbuno militare, assieme a ‘n gruppo de soldati scelti, sorte de notte da la Porta Bovinaria e attacca l’accampamento nemico, cojennolo nel sonno. Facettero ‘na stragge, ammazzanno undici centurioni, trenda prefetti di coorte, quaranda frombolieri e quattrocento fanti. Il resto de l’esercito de Senna scappò, lascianno tutto quillo che s’era portato appresso. Todi se arricchì angora de piùne e Marzio fu esaltato e se costruì, in suo onore, la Porta Marzia. Senna se riparò a Narni, città da lue fondata e, aùte truppe ausiliarie, tornò a Todi, penzanno d’entrà de notte co’ le scale e li rampini. Ma li tuderti, appena visto che lue stèa ‘ntel propio territorio, facettero ‘na sortita, catturaranno guasi tutti li soldati nemici, cosicché Senna, co’ li pochi arimasti vivi, se n’artornò a Narni. Senna, che avèa ‘mbarato la lezzione e capito che nun ce stéa gnende da fane contro un popolo accosì bellicoso, decidette d’usà l’inganno, corrompenno Pirro, sacerdode de Giove, che era ‘n omo malvagio e che tradì la sua gente.
Doppo esse riuscito a entrà in Città, indossanno umili vesti, Senna se rese conto della ricchezza de li tuderti e de piùne se convinze che dovéa conquistalla. Allora facette a Pirro la prumessa che arebbe ‘impalmato la fija sua, che nun truàa marito, si l’avesse aiutato a fa’ entrà de nascosto li armigeri sui, tradenno la Patria. Pirro accettò quisto patto scellerato e Senna, riannato a Narni, approntò ‘na leggione e tornò novamente sotto le mura de Todi. Pirro corruppe, col denaro, puranco Giuliano, omo avido e senza amor de Patria e assieme facettero passà le soldataje, forti de quattrocendo arceri appiedati, guidati da cinque centurioni, pe’ li cuniculi sotterranei. Presi nel sonno, più de vendiimila tuderti funno ammazzati e l’andri funno messi in fuga. Scambò a la morte Argatasso, che co’ pochi amici scappò da la Porta Liminaria e se ariparò presso l’Arcadi. Lue, memore de la Patria, ottenuto el loro appoggio, tornò a Todi e la libberò. Pirro e Giuliano funno assotterrati vivi e Argatasso tajò la capoccia a Senna, che, infilzata ta ‘n’asta, fune posta in cima a l’Aventino. El popolo acclamò Argatasso e lo cuprì de gloria e de onori. Quanno Argatasso morze, l’anno doppo, je facettero ‘na statua de marmo, appresso ta la Porta Ferrea, ‘ntel tembio de Marte e, tullìne, lo seppellirono. Sul mausoleo de Argatasso fune scritto: “ARGAT. PONT. PATRIAE REDEM. UNICE SA¬LUT. PRO MERITIS EIUS ET SOBOL. MARTI DI QU. M. TUDERTES EREXERE PERPE”.
Todi fune riparata de le devastazzioni fatte da Senna e passò, pu, un lungo tembo de pace e prosperità, guvernata da li fiji de Argatasso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: