Archivio | gennaio, 2014

Sotto i Voltoni (Giuseppe Fifi)

28 Gen

1881

1938 – Li Voltoni

SOTTO I VOLTONI

tratto da “La mia piccola grande Città” di Giuseppe Fifi

Sotto i voltoni c’era il presidio delle Guardie, retto dal comandan­te Matoni, anche se apparentemente bonario, rigido nelle decisioni coadiuvato dal sottoposto Bucefari, detto “Roscetto”, terrore dei bir­banti ragazzi trasgressori e spesso veri e propri vandali. Più tardi si aggiunse alla squadra repressiva il compassato Nando Pallotta, ex brigadiere dei Carabinieri nonché Angelo Provenzani della progenie dei Rancichino.

Sempre sotto i Voltoni aprivano il banco mobile di chincaglieria il signor Di Giuseppe, il signor Cervini nomato Menne e il sig. Antonio Giglioni. Non erano esposti al sole ma al mordente vento di tramon­tana che sibilava con frequenza imperioso.

Poi seguiva il negozio dei “Casalinghi” Pantella con la signora Elena e l’ubbidiente consorte; appresso la barbieria “Stella” con il ricercato e abile Figaro “Angelino”: ambedue brillavano per riserva­tezza e naturale mutismo, eccezione alle prerogative specifiche della professione.

L’elencazione segue con la Farmacia del Dr. Urbano Pellegrini, coadiuvato dalla fida “Maria Schizzo” consigliere e taumaturgo di chi a lei si rivolgeva con fiducia.

Ed ora viene il pezzo forte della piazza; il caffè Biganti dove pa­droneggiava il titolare signor Camillo pezzo da novanta, abbastanza eccitabile e frenetico che nei momenti di particolare tensione osten­tava le dita mancanti ad una mano, perse in un incidente lavorativo. L’ambiente era reso più dolce ed accogliente ed a temperarlo era la moglie, signora Maria, sempre affabile ed aperta al sorriso.

Per ultimo voglio ricordare “la caldarrostaia” che aveva il suo pic­colo spazio, non in piazza Grande, ma sotto i Voltoni. In inverno sempre presente ed impegnata a preparare castagne per noi ragazzini che ci servivano a lenire la fame del pomeriggio e a riscaldarci le mani dal freddo pungente.

Ogni tanto appariva a mettere ordine alla vendita, la “Matronica” figlia Clorinda, amica degli estimatori di Bacco che innaffiavano i dolci marroni con del sincero e corposo vino nero.

Castello della Speltara

26 Gen

Castello della Speltara e ruderi chiesa adiacente

CASTELLO DELLA SPELTARA

Quisto maniero se trùa lungo la scenda che da San Terenziano porta verzo Ponderio e ta la spianata del Tevere. Oji ce so’ armasti li ruderi ma ‘ndel milleeseicendo ce campàa ‘l conte Guido co’ la famija sua, li servi, li garzoni, li stallieri e li contadini. Ene (mejo dì’ era) ‘na fortezza a pianda quadrata, co’ ‘n’artissima torre e circondata da ‘na ribbusta cerchia de mura. Li primi cenni su Speltara (chjamata Spoldara in dialetto) ce l’emo già da la fine del tredigesimo secolo, quanno stèa sotto la giurisdizzione de San Terenziano. El castello prenne el nome da la cultivazzione de la spelta, ‘na graminacea che pu vinne chjamata farro. Speltara subbì le vicenne storiche de Gualdo Cattaneo e de li territori attorno, divendanno, viavia, feudo piruggino, avamposto di Braccio Fortebracci e possedimento tuderte. El massiccio castello ciavéa un gran curtile interno co’ l’abbitazzioni de li servi e ‘na stalla. ‘Ndel 1857 ciabbitàono sessandanove cristiani che facèano parte de tredici fochi.

Castello di SpeltaraInterno ruderi del Castello della Speltara

QUESTE FOTO SONO OPERA DI ELIO DUCATI

Castello della Speltara ja

Castello di Speltara (interno)

Castello di Speltara go

Castello di Speltara gp

Radici (di Tiziana Marta)

21 Gen

Tiziana Marta

TIZIANA MARTA

R A D I C I

Avrei tanto voluto vivere le epoche passate insieme alle persone che ora non ci sono più. Nelle foto antiche vedo e rivivo le loro storie e tutto sembra tangibile. Provo un po’ di invidia per coloro che hanno vissuto in quei paesaggi, privi sì, di ogni progresso e comodità, ma così pieni di gioia e volontà di sopravvivere. Quelle foto raccontano gioia, la vita vissuta con umiltà, cuori puri che sentivano sentimenti e passioni, ma soprattutto esistevano quelle persone semplici, che alla sera stanche del lavoro dei campi tornavano a casa per stare con i loro cari, persone sorridenti e amorevoli, premurose di mettere amore in ogni gesto. Gente d’altri tempi che sapevano rispettare gli altri. Persone d’onore, persone vere, unite sia nella gioia che nella sofferenza. E confesso che anche se ora fossi morta, avrei dato qualsiasi cosa per poter vivere insieme a loro.

Tiziana Marta

Tiziana

https://www.facebook.com/tiziana.marta

Aforismi, pensieri, proverbi (settima serie)

20 Gen

1956 Collazzone (ruderi monastero clarisse)

1956  Collazzone (ruderi convento delle Clarisse, dove morì Jacopone)

Mejo solo che malaccombagnato
Chiusi li giochi o béi o affoghi
Si voi fregà ‘n amico daje carne de troja e legna de fico.
Chi sguernia l’andri, sguernia lùe istesso
P’alleà un fijo ce vole ardijo
Si s’arnùola su la brina, o acqua o neve o strina
Li piandi nun fonno arvisolà li morti
Fa che dimano nun t’armagni le mano
Annisciuno t’aregala gnende
Si n’artrùi la stràa pe’ jì a casa, cumincia a pruccupatte
Chi nun crede, ciabbi fede
La fame nun cià legge
Chi caccia sinza cane, artorna sinza lèpore
‘Na messa in celo l’aarànno tutti
Ogni cojone cià el su’ bardellone
Nun se mugne sinza banghetto
La prima se perdona, la siconna se bastona
Chi nun cià arte, nun cià parte
Omo anzianotto ce l’ha menzo barzotto
Certi gatti gnàulano col sorcio su la bocca
El babbo e la mamma nun cambono sembre
“Tando dovéo scegne” dicette quillo che cascò dal burìcco
Brija sciorda, un po’ per vorda
Nun tutte le bucate vengono bianche
Doppo rotto el bussolotto sei al pulicche
La catana n’è fatta pe’ mettece le bucìe
Camba un giorno e cambolo bene
L’amico briccone te porta al birone
Botte ciuca, vino bono
El ricco, comme el porco, è bono doppo morto
Bòe che nun magna mango tira
Femmina bona vale ‘na corona
La granocchja se gonfia e pu sbotta
Spesso el zogno, de la realtà, cià bisogno
Li bòi vecchi fonno bene el zorco
Quanno sendi un brujicame, vole dì’ che te ciai fame
Donna de bon parto, prima femmena e pu maschio
Chi ride a carnuàle, piagne pe’ quaresima
A magnà, chi magna magna ma le biùte onno da esse pare
El veleno sta drendo le buttije cine

Tiziana Maschiella e il suo pirografo

13 Gen

Tiziana 12

Tiziana 10

Donna Vanna

Tiziana 9

Jacopone

Tiziana 7

San Fortunato

Tiziana 5

Rione Valle

Tiziana 3

La Consolazione

Tiziana 1

Porta Amerina

Tiziana la Consolazione

La Consolazione

Tiziana Jacopone

Fra Jacopone da Todi

Tutta Piazza Grande

13 Gen

1880

1895

1895

1905

1905

1906

1910

1910

1910

1911

1912

1910

1913

1915 (cerimonia partenza per la guerra 15-18)

Cerimonia partenza per la Grande Guerra

1920

1920

1921

1921

1924 (Processione)

1924 (processione)

1925

1925

1930 (manifestazione ginnica)

1930 (manifestazione ginnica)

1930

1931

1932

1932

1934 (saggio di ginnastica)

1934 (saggio ginnico)

1935

1935

1936

1937

1937

1942

1942

1944  (il mercato)

1944 (il mercato)

1946

1946

1947

1947

1949  (la festa della matricola)

1949  (la festa della matricola)

1949

1949

Piazza Grande dopo la Messa della domenica anni 50

Piazza Grande dopo la Messa domenicale (anni cinquanta)

Piazza Grande dopo la Messa (anni cinquanta)

1952 14 ottobre (Suona la Banda dei Carabinieri)

1952 d

1952

1957

1957

1958 (manifestazione per autostrada)

1958 (manifestazione per autostrada)

1958

1959

1960 (Primo Maggio)

1960 (corteo primo maggio)

1961

1961

1962 Manifestazione contadina

1962 (manifestazione contadina)

1963

1963

1967

1967

1981 (visita di Papa Giovanni Paolo II)

1981 (vista Papa Giovanni)

1990

1990

Piazza Grande (Cerimonia fascista negli anni 20

Cerimonia Fascista anni venti

Piazza Grande (di notte tanti anni fa)

Piazza Grande di notte tanti anni fa

Piazza GRande (raduno vespistico)

Piazza Grande con ambulante

L’ambulante in Piazza Grande

Piazza Grande e gli autobus

Piazza Grande e gli autobus

Piazza Grande e la Scoletta

Piazza Grande e la Scoletta

Piazza Grande quanno c'era la festa de l'ùa

Piazza Grande e la Festa dell’Uva

“Lo steccato” (’na sorta de corrida tuderte)

10 Gen

steccato

“Lo steccato” (’na sorta de corrida tuderte)
Anchi lo spasso facéa parte de la vita sociale de la Città e, dar milleseicendo, se svorgéano a Todi le gare co’ li tori. Le bestie vinìono izzate co’ stracci rosci e co’ li cani amparati apposta. El giocatore, correnno a zicchezzacche tra le botti, messe ‘ntol cambo de gara, doppo d’avé straccato ‘l toro, dovéa acchiappallo pe’ li corni e faccela a legallo. Li giocatori aéano d’esse ribbusti e coraggiosi e menefreghisti del risico de beccasse carche ‘ncornata. Partecipàono, ta teste gare, omi del contado e anchi gente che venìa da le città vicine, comme Fuligno e Terni. Li giocatori più brài erino defatti quilli de quiste città. A Todi ce stéano pu l’alleàtori e addestratori de li cani e tra quisti va menzionato un tale Fortunato Priori, che venìa soprannominato Magnabrugni. Li cani morcicàono tal toro su le recchia e lo sturbàono e ditraéono, danno modo tal giocatore de potello acchiappà pe’ li corni. Li vincitori viniòno premiati co’ danaro e co’ un mantello roscio col disegno d’un toro. Quisto mantello era considerato de tamando pristiggio e chi ce l’éa ne facèa sfoggio co’ orgojo. Le gare se tenéano in Piazza Grande o fora Porta Romana, più raramente a Pontenaja. Una festa memorabbile fune quilla svorta, ‘ntel millessettecendosettandotto, ‘L giorno vendisei de agosto, pe’ la festa de San Filippo.  Scegnettero a gareggià undici tori e tandissimi cani. Ogniduno de li vincitori se beccò diciotto scudi e tre ne guadambiò el padrone d’ogni cane brào. C’è notizzia che ‘nte l’ottocendo le gare se facesseno angò, anchi se tal posto de li tori venìano addoprati li bovi e la vaccine. Li cronisti riccontono d’una gara fatta in Via Urpiana, sembre pe’ la festa de San Filippo, dadata vendiquattro agosto milleottocendo. Li padroni del mijor bòe e la mejo vaccina vinnero premiati co’ vendi piastre e el cane più brào ne facette guadambià, ta l’addestratore, ben cinque.
Jacopino Tudertino

El Podestà

6 Gen

Podestà

Spagliagrano
Spajagrano

El Podestà

Erono li primi del secolo tredecesemo, quanno apparze la figura del Podestà. La Città de Todi, prima, era commannata da nobbili cittadini jamati Consoli. Le magnere de guernà de l’omi che reggéano Todi, ‘nde ‘sto periodo, donno ‘l segno d’una raggiunda tamanda civirtà. El primo Podestà de Todi fune Spagliagrano e da lùe che prenne el nome la località de Spajagrano che se trùa sussopra un montarozzo, vicino tal torrente Naia, ‘ntéi pressi de Pondemartino. El Podestà venìa scapato che fusse de nobbirtà e d’una città amica, màe de Todi. Quisto a scanzo de intrallazzi, nun avenno el Podestà, in città, amici o parenti, essenno foresto.  Stéa in carica pe’ ’n’annata e giuràa tal popolo onestà e ‘mparzialità. Testo era el giuramento che facéa (toccherebbe fallo fa’, oji, ta tutti li politici italiani).
Jacopino Tudertino

 

 EL GIURAMENTO

“Io… Podestà di Todi, giuro sui Santi Evangeli di Dio che per il futuro anno, per quanto in mio potere, reggerò, condurrò, salverò, custodirò i borghi e i sobborghi, la città e il contado del distretto di Todi, i maggiorenni, e i minorenni, i maschi e le femmine, le chiese e i luoghi religiosi santi o sacri e massime gli ospedali di carità, i monasteri delle donne e gli altri luoghi venerabili; proteggerò maggiori (nobili) e minori (popolino, artieri ecc…) di detta città che vogliono rimanere al di lei servizio e in buonafede, senza frode e lontano da ogni malo sofisma, salvi i capitoli dello statuto. Non farò setta con alcuno, né permetter sia fatta e farò giurare il mio successore sullo statuto chiuso senza alcuna condizione od eccezione.

Se alcuno osasse tentare o corrompere me, o i miei giudici, o altri della mia famiglia, o camerarii, o baiuli, o banditori, o altri ufficiali del Comune, dando o promettendo loro qualcosa, lo svelerò in pubblica concione nel Consiglio Generale e punirò in cinquanta libbre o nella persona, se non potranno pagarli, corrotti o corruttori, né questi potranno più entrare nel mio palazzo, ma il tentato, o corrotto, potrà denunziare il fatto senza pena e viceversa. Sono convinto del salario o feudo concessomi dal Sindaco del Comune, tanto come mio compenso che per ogni mia spesa,

Non potrò avere più in alcun modo e se alcun dicesse in Consiglio che mi sia data una somma maggiore, lo punirò togliendogli il doppio dell’aumento proposto, a ciò che disse non valga. Se ciò io non farò, il Podestà futuro sarà tenuto a condannarmi e il Sindaco dovrà esigere, da chi fece la   proposta, quella pena che doveva, che io non gli feci pagare.

Non mangerò entro i confini se non nel palaz­zo del Comune e non permetterò che alcuno della mia famiglia mangi con chi abita entro i detti confini e non riceverò regali, né avrò per servi i fami­gli della città e di ciò non possa assolvermi il consi­glio di alcuno o di alcune. Se potrò andare per qualche ambasciata per conto del Comune o per qualche negozio, andrò a mie spese senza ricevere nulla dal Comune, qualunque sia la durata.

Né da chierici, né da laici della città o del contado prenderò alcun cavallo gratis, così pure nessuno della mia famiglia prenderà né farà pendere cavallo o mulo in prestito se non da coloro che usano dargli a vettura e li pagherò secondo il consueto. Foglie, legna e paglia a me necessarie le comprerò nella città o nel contado e, se nel contado, le farò trasportare nella città a mie spese.

Il cittadino o il comitatense accusato o de­nunziato di maleficio, sarà mandato da me o fatto mandare al patibolo o ai tormenti, né permetterò che vi sia posto se vorrà ripagare la somma per cui fu accusato o denunziato di detti malefici ma, se l’accusa è di incendio, congiura, furto grave, tradimento o sedizione fatta nel contado o città tuderte, io potrò tormentare l’accusato o i denunziato se la pubblica fama è contro di lui o se fu ladro pubblico, e di ciò non possa assolvermi il consiglio di alcuno o di alcune, ma se mi assolveranno l’assoluzione sia cassata e vana.

Giuro inoltre che, mentre terrò la curia, non farò chiudere la porta del palazzo superiore. Tutto ciò che ho giurato osserverò e farò osservare, altrimenti rimetterò cinquanta libbre di ogni feudo per ogni contravvenzione.”

I ladruncoli (da “El capo de casa” di Ligentino)

3 Gen

Uva

 

I LADRUNCOLI (di Nello Gentili)

“Carmeloo! oh Carmè! Ma chi ci sta lajù sun cima a quelle piante Scommetto che so’ i pottacci del paese che so’ venuti a fregà l’ua”. Damme qua ‘sto frustino che se ce l’arrivo je cucchio li stinchi.
Aspettateme, brutti fiji de’ babbo doppio e de’ mamma sucida, aspettateme che mo ve l’ansegno io qutal’è la robba vostra e qual’è, quella dei l’altrì. Quanno c’èra da pota’, da colca’, da pompa’, da ‘nsorfà’ e da acacchia’ non se n’è visto uno e adesso invece scappate fora peggio de’ le formiche puzzolose, brutti lazzaroni che non sete altro.
Ma mica ciavete colpa vojaltri, cionno colpa quelle pettegole de’ le mamme vostre che ve tiengono tutto el giorno a fa’ l’oziosi.
Se capisce, comme v’honno d’arleva’ nun cionno voja de fa’ gnente manco loro, stanno sempre a sede’ su quei murelli del paese a sinti’ el fresco de le pietre jacce che je possi vini’ un rifreddore coll’attacco de petto e la starnutarella otomatica.
Ah mucciate? V’è presa la fifa? Attenzíone, dico, perché dovete sape’ che io quanno ho magnato un potto ‘nco’ sto digiuno. E po’ vojo di’ tal Priore che ve trovasse un posto jù l’inferno, de quelli do’ che ‘nfornono forte e je facesse sape’, tai futchístí de lajù, che, se dovessero fini’ le legna, je mannamo le bombole del bibigasse, stracci de ladri. E tu azzittete, nu sta a piagne tustì, Minilicche! Vedi che bell’amicì che ciai ? T’honno portato quà pel campo a fregà l’ua, e adesso perché sei ciuco e nun poi corre t’honno lasciato via, e po’ scommetto che non te n’honno data manco un gracicio: Adesso vieni quà che. te la do io l’ua, basta che t’azzitti. Te piace nera ? Tieni, magna, e se te s’arfà voja dell’ua, addimannemela ta me che te la do ma nun te facessi stracina’ via più dai compagni gattìi perché loro t’ensegnono la malavita; damme retta: quanno devi annà via co’ loro è mejo che stai a casa a spulcià la mamma.
El Capo de casa