Archivio | marzo, 2014

El Pozzo Beccaro

22 Mar

EL POZZO BECCARO

 Già ‘ndel 1650, allincirca, el pozzo che sta jù in fonno tal Viale Menecali, rione San Giorgio, venìa chiamato “del beccaro”. Co’ tutta probbabbilità appartenéa ta un beccaro o beccaio, che tullìne c’éa la casa e la bottega de macellaro. Quisto ammazzàa le bestie quatrupede e rivennéa la ciccia. Durande el Medioevo, el beccaro, macellàa pecure, majali e vaccine, compranno l’animali da li contadini fora de la città. Siccome la ciccia più magnata, in quilli tembi, era quilla del becco, che è el mastio de la crapa, lùe, el macellaro, venìa chjamato beccaro. In Sudditalia, ango’ oje, ce stonno inzegne de li negozzi, dòe se venne la carne, co’ scritto “beccheria”. El pozzo, poco prima del 1940, era comme se vede ‘nte la fotocrafia che dovrìa esse, appundo, de l’anni quaranda. Col tembo, l’incuria e la mancata manudenzione, l’èono aridotto male. Carcheduno s’era fregato pure el ferro che lo soprastàa. A daje el corbo de grazzia, carche anno fa, è stato un cammione, che facenno marciaindiedro l’ha dimolito del tutto. Onno ricostruito el puteale col cimento armato, perchéne le pietre so’ cascate jù drendo tal pozzo. Tembo addiedro, l’amministrazzione communale, ha fatto arifà ‘na copia del ferro rubbato e ce l’ha arimesso e pu ha rivestito, a strìe co’ l‘intonico, la parete esterna del pozzo. Certo ène che nun è comm’era ‘na vorta.

 

pozzoAnni 1940

IMG_0767

Puteale rifatto in cemento armato

Pozzo Beccaro rivalutato 005

Annunci

Le campanelle de San Felippo (Paolo Bravetti detto Rusch)

15 Mar

San Filippo

Quann’ero pòtto ‘n me sapea mijanno
d’arrivo, a San Felippo, pe’ la fiera.
Pe’ la mamma, poretta, era ‘n affanno
perché, se sa, che de sciali, nun c’era.

Però le mamme fanno i sacrifici,
e magari nun magnono per sé;
ma pe’ potette dà quel che je dici
se farebbono fa cchilosacché.

Ecco la festa; sono de trombette,
frastono de fischietti e tamburelli,
la ggente che t’acciacca, le banchette
co’ ‘na massa de roba e spassarèlli.

Te pare d’esse ppacio, mica schersi,
fra tanti strilli e ttanta confusione!
Nun se cammina: spinto in tutti i versi!
Pe’ chi ciavesse prèscia è ‘na passione!

Per San Felippo vengono da fori,
‘n se sa quanti mercanti e bagarini
con tutto quel che vòi; ma so’ dolori
si nun pòi spenne, ché nun ciài quadrini!

La cosa più speciale de’ sta festa
so’ li cocciari co’ le campanelle.
Tai Fiorentini, dice, venne in testa
(per poco ‘n ce rimettono la pelle),

de facce ‘n brutto scherso a tradimento;
e dice che la cosa anno accosì.
Scusàteme se ppoi nun ve condendo,
la dico come l’ho sendita a ddi’.

Volevono per forza, a ttutti i costi
de San Felippo el corpo benedetto.
Ma li Todini, guai! Je se so opposti,
e quelli lo volgono pe’ dispetto.

E ‘na notte, d’accordo col Priore,
lo vengono a rubbà, sti lazzeroni.
Ma all’improvviso se sindi un rumore:
el sòno de campane dei rioni.

Se svejono li potti e disperati
se mettono a strillà: “Portono via
San Felippo! Correte! St’addannati!
ce rubbono el gran Servo de Maria!”

Se sa che, dóppo, bòtte da nun disse
a quei.birbanti, a sòno de bbastone.
E San Felippo al posto se rimisse;
ma tal Priore tanto de scaccione!

Pe’ ricordà ‘sto fatto singolare
c’è l’usanza de fa’ le campanelle.
Me ne feci comprà due: pare pare.
Ma si cche sòno! e com’erono belle!

Paolo Bravetti (detto Rusch)

De nobbile famija fiorentina, Filippo Benizi, nascette a Firenze ‘nde l’annodomini 1233. A quattordice anni stéa già a Pariggi a studiasse fisolofia. Pu anniede a Pàdoa e pijò la laura de dottore in midicina, quann’era, ammalappena, diciottenne. A vendun’anno endrò in convendo coi frati de l’Ordine dei Servi di Maria e ‘ndel 1267 fu nominato Priore Generale. Impegnò tutta la vita a quist’ordine de frati. Lùe participò tal Concilio de Lione e rinunciò a la candidatura pe’ divennà Papa. Pe’ sottrasse a l’elezzione s’arparò ‘nde ‘na grotte suppel Monte Amiata. Se stéa ‘ndel 1285 quanno scerze come suo ritiro Todi. In città fune accolto co’ tamanda divozzione da la popolazzione ma morse doppo soli tredici giorni. Paolo Bravetti (co’ lo peseudonimo “Rusch”), co’ quista poesia, ricconta la leggenda de quanno li fiorentini tentorono de portacce via la salma del Santo. Comme se legge tra le rime, li fiorentini, ce buscarono de brutto e le reliquie de San Felippo furno riportate a Todi e li cittadini, da allora, onno sembre onorato, divodamende, quisto Santo.

Chiesa di San Filippo

Chiesa di San Filippo Benizi

https://jacopinodatodi.wordpress.com/2016/07/05/la-mestaja-de-san-felippo/

San Filippo

Aforismi, pensieri, proverbi (ottava serie)

11 Mar

Via Ulpiana nel 1910

1910  Via Ulpiana

La botte che fa danno va stanata ‘gni anno
Cacciato el dende passato el dulore
Cresciono l’anni, cresciono i malanni
‘Gni promessa è un debbido
Nei brutti momendi, hai da strigne li dendi
Chi pace nun cià, pace nun dà
Pei cojoni c’è un paradiso a parte
El zenzale nun tira si nun coje
Chi va co’ lo zoppo ‘mbara a cioppigà
L’anzalata va ‘gni tando ciuccicata
Mejo nasce affortunati che ricchi
Tal gatto nun tocca acciaccaje la còa
El pesce tamando magna quillo cino
Quanno la ciuétta canda, jella tanda
Mejo giloso che cornuto
Col culaccio del zalame n’è che po’ passà la fame
P’ogni culo c’è sta la frusta adatta
Chi solo se cunzija, solo se artrùa
Tra la briciola e la mujica, ce curre un pelo de fica
Mejo che te morcica ‘na vipara che ‘na femmana
Basta aécce, pe’ dimane, un friccico de pane
‘Na parola è poco, dui so’ troppe
O magni ’sta minestra o zompi la finestra
Le disgrazzie stonno più vicine de la camicia
Corpo satollo nun penza a quillo diggiuno
Nun g’è dui sinza tre
Occhio nun vede, core nun dole
Nun abbisogna predicà el diggiuno e pu avecce la trippa prena
‘Na femmina ne sa sette vorde più del diàolo
Pe’ fa’ faccenne bone ce vole devuzzione
Chi ta ’n amico presta, senza amico resta
Doppo vecchio te domanni do’ so’ jiti li vend’anni
Del dimane nun ze pote màe sapé
Pel dimane penzece oje
Se la femmina nun vole nun zai màe dove je dole
Prima el doére e pu el piacere
Donna brutta e sinza dode, nisciuno l’arcode
El somaro va legato do’ vole el padrone
L’amicizzia, s’è verace, primoppoi farà fa’ pace
Tre diosilla vargono ‘na messa

ONOMASTICA: perché se chjama Vicolo delle Canepine?

3 Mar

Via delle canepine 003

Via delle canepine 002

El Vicolo de le Canepine sta in Viurpiana, tra quillo de le Mattonelle e quill’andro de l’Anfideatro Antico. Sbocca verzo ‘l cusidetto Orto del Prete, arridosso ta li ruderi, appunto, de l’Anfideatro romano. Dillà de li resti de le mura de l’anfideatro ce sta la chiesa de San Nicolò de Criptis. Ritornanno su la quistione del perchéne el vicolo se chjama attusì, c’è da dì’ che tullì ce stèano li labboratori de li canapari. Li canapari erono artiggiani che lavoràono la canapa e la canepina era ‘na tela de canapa e ce se facéano: biancheria e manufatti caserecci e perzonali. Se trattàa de camice, strufinacci pe’ la cucina, tovaje, fodere, teli pel pane, sacchi, sacchetti, mutanne, linzoli rozzi e pesanti vistiti, che potéano durà bona parte de ‘na vita. Li canapari nun erono funari, che, ‘nvece, facéano le corde, sembre co’ la canapa, lungo Menzomuro o in Via Fiorenzola in Borgo.

Canapare

Canapare tessitrici medievali