Le campanelle de San Felippo (Paolo Bravetti detto Rusch)

15 Mar

San Filippo

Quann’ero pòtto ‘n me sapea mijanno
d’arrivo, a San Felippo, pe’ la fiera.
Pe’ la mamma, poretta, era ‘n affanno
perché, se sa, che de sciali, nun c’era.

Però le mamme fanno i sacrifici,
e magari nun magnono per sé;
ma pe’ potette dà quel che je dici
se farebbono fa cchilosacché.

Ecco la festa; sono de trombette,
frastono de fischietti e tamburelli,
la ggente che t’acciacca, le banchette
co’ ‘na massa de roba e spassarèlli.

Te pare d’esse ppacio, mica schersi,
fra tanti strilli e ttanta confusione!
Nun se cammina: spinto in tutti i versi!
Pe’ chi ciavesse prèscia è ‘na passione!

Per San Felippo vengono da fori,
‘n se sa quanti mercanti e bagarini
con tutto quel che vòi; ma so’ dolori
si nun pòi spenne, ché nun ciài quadrini!

La cosa più speciale de’ sta festa
so’ li cocciari co’ le campanelle.
Tai Fiorentini, dice, venne in testa
(per poco ‘n ce rimettono la pelle),

de facce ‘n brutto scherso a tradimento;
e dice che la cosa anno accosì.
Scusàteme se ppoi nun ve condendo,
la dico come l’ho sendita a ddi’.

Volevono per forza, a ttutti i costi
de San Felippo el corpo benedetto.
Ma li Todini, guai! Je se so opposti,
e quelli lo volgono pe’ dispetto.

E ‘na notte, d’accordo col Priore,
lo vengono a rubbà, sti lazzeroni.
Ma all’improvviso se sindi un rumore:
el sòno de campane dei rioni.

Se svejono li potti e disperati
se mettono a strillà: “Portono via
San Felippo! Correte! St’addannati!
ce rubbono el gran Servo de Maria!”

Se sa che, dóppo, bòtte da nun disse
a quei.birbanti, a sòno de bbastone.
E San Felippo al posto se rimisse;
ma tal Priore tanto de scaccione!

Pe’ ricordà ‘sto fatto singolare
c’è l’usanza de fa’ le campanelle.
Me ne feci comprà due: pare pare.
Ma si cche sòno! e com’erono belle!

Paolo Bravetti (detto Rusch)

De nobbile famija fiorentina, Filippo Benizi, nascette a Firenze ‘nde l’annodomini 1233. A quattordice anni stéa già a Pariggi a studiasse fisolofia. Pu anniede a Pàdoa e pijò la laura de dottore in midicina, quann’era, ammalappena, diciottenne. A vendun’anno endrò in convendo coi frati de l’Ordine dei Servi di Maria e ‘ndel 1267 fu nominato Priore Generale. Impegnò tutta la vita a quist’ordine de frati. Lùe participò tal Concilio de Lione e rinunciò a la candidatura pe’ divennà Papa. Pe’ sottrasse a l’elezzione s’arparò ‘nde ‘na grotte suppel Monte Amiata. Se stéa ‘ndel 1285 quanno scerze come suo ritiro Todi. In città fune accolto co’ tamanda divozzione da la popolazzione ma morse doppo soli tredici giorni. Paolo Bravetti (co’ lo peseudonimo “Rusch”), co’ quista poesia, ricconta la leggenda de quanno li fiorentini tentorono de portacce via la salma del Santo. Comme se legge tra le rime, li fiorentini, ce buscarono de brutto e le reliquie de San Felippo furno riportate a Todi e li cittadini, da allora, onno sembre onorato, divodamende, quisto Santo.

Chiesa di San Filippo

Chiesa di San Filippo Benizi

https://jacopinodatodi.wordpress.com/2016/07/05/la-mestaja-de-san-felippo/

San Filippo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: