Archivio | giugno, 2014

Chi màe sirà ‘sto Jacopino

30 Giu

Aquila tuderte

CHI MÁE SIRÁ ‘STO JACOPINO

L’ipòdisi e i suspetti so’ ‘na fracca
ma vùe nun c’éte el dubbio, gende mia,
che Jacopino nun sìi lùe ma lìa?
Detime retta, io sto ta la risacca
e vùe penzate me ne stìi in muntagna,
magara nun al mare ma in cambagna.

Mo, quanno me s’appioppa un nome o un andro,
ma fate sbudellà da le risate
che dite, dite ma nun ciazzeccate.
Pozzo chjamamme Mario oppuro Sandro.
A chi je piace de penzà tai nomi
più strambalati, sinza cognizzioni,

je dico che capiscio che cià voja
de sta’ a levasse ‘sta curiosità
ma è mejio, chi so’ io, che nu’ lo sa.
Quillo che crede a avé magnato foja
e penza ch’io sìi testo oppuro quillo,
je poto dì’ de stassene tranquillo.

No, nun so’ Gomezze, Chicchioni o Retti.
Nemmango so’ Epifani né Burioli.
Vùe stete comme Pindaro a fa’ i voli
ma nun so’ Orsini e mango Tofanetti.
Jacopino è un poetucolo. Che vale?
Carcuno se la pô pijà anghi a male.

Lassate che arimanghino le cose
accusì comme teste stonno desso.
Che màe ve frega chi è ‘sto menzo messo
e pu scuprì che nun so’ fiori e rose?
Che senzo cià la cerca a Jacopino?
Ve abbasti de sapé ch’è un tudertino.

Jacopino da Todi 28 giugno 2014

Leggenda de San Francesco

18 Giu

San Francesco

Leggenda de San Francesco.

Eriàmo ‘ndel milleducendovendi quanno, San Francesco, passò per Todi pe’ recasse a Fuligno. Su pe’ la salita, che connuce da Ponderio a Porta Piruggina, a l’artezza de dòe sta ojiggiorno el Cimitero Vecchio, el Sando t’encondra ‘na pòera donna che ciaéa in braccio un fijoletto ‘ppena nato. Lìa stéa pijanno la stràa che porta jùl Tevere. San Francesco, che aéa capito quali fussero le ‘ndenzioni sua, preoccupato je chiedette addòe stesse annanno. Essa, piagnenno, dicette che stéa a jì’ a fiume pe buttacce drendo la craturina. “ So’ tamandamende pòera de nun poté alléallo” je dicette “Mejo affogallo che faje cambà ‘na vita tra la fame e li stenti”. Allora Francesco je dicette: “Damme ‘sto fijetto. Penzerò io ta lùe. Io je darò da mangnà e je truerò un riparo”. Fu accusì che succedette. San Francesco facette una cappanna pe’ protegge el cino dal friddo e pu addimannò ajuto ta li contadini pe’ sfamallo. La quistione se riseppe in tutto el contado, anghi perché Francesco era già affamoso pe’ la sua bontà e sandità. ‘Na multitudine de gende arriò appresso ta la cappanna, portanno cibbarie e cuperte.
Co l’ajuto de quisti e tande donazioni di terreni, el Sando costruì, tullìne, uno spidale pe’ aricoerà li fijetti abbandonati: l’Ospedale della Carità. Nel Museo cittadino so’ conzervate cingue rozze tràì de cerqua, che la tradizzione popolare conzidera fussero state usate da Francesco pe’ costruì la cappanna inizziale. Quisto ospidale, l’unico del genere in Cendritalia, addivenne la sarvezza pe’ tandissimi infanti che, aldrimendi, aerebbeno truàto la morte. Indorno tal millecinguecendo fùne costruita un’edicola, lungo la ripita stràa che salisce verzo la Città, propio arridosso de lo spidale in quistione.
Issa , doppo oldre cingue secoli, stà littullìne ma casca e nun casca da comme è malridotta. Stà vicino tal cimitero vecchio, che è sorto su le ruìne de l’ospidale de la Carità. L’edicola (o Mestaja o Oratorio), forze, fu utilizzata pe’ lassacce li neonati che venìano abbandonati, p’esse pu ricoeràti, nutriti e curati drendo l’ospidale. L’Ospedale della Carità fu, ‘ndel milleesettecendonoàndaquattro, straportato a Montecristo, dòe mo ce stà la Scola Graria. ‘Ndel milleottocendosettanda, fune ristraportato in Viurpiana. Carcheduno, pu, ha creso bene de chiudelo, doppo ottocendo anni de onorato sirvizzio ta la Città. Quista de San Francesco e la donna è ‘na leggenda nata da fonni de verità e, comme tutte le leggende, fa parte de la tradizzione de li todini.

Jacopino

 

Forcine di San Francesco

Le trài de cerqua dette “le forcine de San Francesco”

Salita del Cimitero Vecchio SI

L’edicola ‘ndei primi del novecendo

2014 Mestaia 001

L’edicola  ‘ndel dumilaequattordici

LE DITA DI SAN FORTUNATO (Don Carlo Taddei)

12 Giu

LE DITA DI SAN FORTUNATO

Tratto dal libro “Quadretti di vita tuderte” di Don Carlo Taddei

 

San Fortunato

I ragazzi più grandi di noi ci invitavano ad entrare nel Tempio di San Fortunato ed a guardare la statua di pietra del Santo che troneggia dietro l’altare sul suo piedistallo. “Vedete”, dicevano, “la mano destra di S. Fortunato? Ha il pollice, l’indice, il medio distesi e invece l’anulare e il mignolo un po’ ripiegati. A mano a mano le suddette ultime dita si allungheranno e quando saranno distese come le altre, verrà la fine del mondo”.
Noi guardavamo impressionati quella mano e speravamo che quelle dita stessero ferme almeno per qualche decennio sperando, egoisticamente, che la fine del mondo fosse venuta il più tardi possibile.
Qualche volta andando a scuola facevamo una visitina in chiesa per vedere se le dita si fossero mosse. “A me sembra di no”, diceva uno; “Sì, un poco si sono mosse”, diceva un altro. Fatto sta che, grazie a Dio, le dita di S. Fortunato sono rimaste come erano. Non si potevano e non si dovevano muovere e non sarebbe venuta nessuna fine del mondo. San Fortunato sta sempre lì, sereno e benedicente, a vegliare sul suo gregge.
Non ha fatto nessun gesto foriero di sventura.
Alterne vicende si sono susseguite in questo ultimo mezzo secolo: periodi di pace e di guerra, giorni di gioia e di lutti, avvenimenti vari cittadini e nazionali: San Fortunato sfida i secoli e le vicende umane.
L’unica volta, forse, in cui sarà stato tentato di distendere ed alzare la mano ed anche brandire in alto il pastorale, quando gli hanno soppresso la “sua” Diocesi. Ma siccome è un santo, avrà anche lui piegato la testa con rassegnazione ed avrà sospirato: “Pazienza!”

Tutto Piazza Garibaldi (già Piazza San Giovanni)

10 Giu

Scoletta  1884 demolizione)

1884  (la Scoletta)

1895

1895

1910

1910

1928

1928

1930

1930

1932

1932

1935

1935

1938

1938

1939

1939

1941

1941

2014 Piazza Garibaldi

2014

Piazza Garibaldi (belvedere)

Piazza Garibaldi (dalla ringhiera)

Piazza Garibaldi (l'autocorriera dell'Umbria)

Piazza Garibaldi (Palazzo degli Atti)

Piazza Garibaldi (postali)

Piazza Garibaldi g

Piazza Garibaldi gh

Piazza Garibaldi m

Piazza Garibaldi tempi addietro

Piazza Garibaldi, già San Giovanni La torre da

LA CRONICHA DE LA EGREGIA CITTÁ DE TODI (siconno stralcio)

4 Giu

LA CRONICHA DE LA EGREGIA CITTÁ DE TODI
(di Joan Fabrizio degli Atti)
Siconno stralcio, tratto dal libro “Le cronache di Todi”

Pontecuti (le mura)

Le mura di Pontecuti  (Foto di Fabio Pisco)

MCCLI – Alberto del Griecho fo potestà; et forono posti li cavalli contra Orvieto; et li todini fecero la roccha in Montegadano; et mori l’ imperatore Federico.

MCCLII – Annibale de meser Trasmondo da Roma fo potestà El todino sconfisse l’orvetano ad Pompognano: et menaro ad Tode centonara de prisciuni.

MCCLIIII – Guido de Bisconti da Milano fo potestà; e l’orvetano fece oste ad Tode una cum Peroscia, Spoliti et Nargni et fiorentino et romano, et guastaro Sismano.

MCCLV – Tomasso del Pagese fo potestà, et meser Bonifacio Castellano de Bologna fo capitano; et li orvietani fecero l’altro oste ad Tode; et in quel tempo fo facta la concordia de Montemarte.

MCCLX – Nicola da Titignano fo potestà; et fuoro li gibillini ad oste sopra la torricella de meser Ufreducio et tolserla et scarchàrla; et fo gran guerra tra lo populo et li boni homini; et in quel tempo li gibillini for chiamati gintilhomini et lo populo ghelfi.

MCCLXII – Meser Philippo fo potestà; et fo battaglia fra gibillini et ghelphi de Tode, et forno cacciati li ghelfi de Tode, et fo morto meser Ufreduccio in epsa baptaglia; et fo facto Castelfrancho; et forno retrovate le cisterne et mattonata la piaza.

MCCLXVIIII – Meser Riccardo per sei, meser Pietro da Roma per altri sei misi forno potestà; in qual tempo li tudini fecero hoste ad Colazone, et stavance dentro li ghelphi de Tode ad far guerra, et fecero in quest’anno li comandaminti de Tode.

MCCLXXXVII – Meser Tomasso de Ruberto fo potestà per sei misi, et intrò in kalen. de iugno; et fo ferma la compagnia de Peroscia ad Tode, Spuliti et Nargni, et fo in kal d’agosto; et prima queste cose, dixe el marchese de giri ad hoste sopra da Terane: el todino assegnò l’hoste in servitio del terenano, et gerono ad Aquasparta; et per questo el marchese non ce hostiò; et forono fatte tucte le pace fra li odiati de Tode cum l’aiuto de Peroscia: et fo de martedì cinqui de dicenbre.

MCCLXXXIII – Meser Ruberto de la Grotta fo potestà per sei misi, et intrò in kalen. de iennaro. El todino andò per Comuno sopra da Nargni ad hoste in servitio de Terane, et fecero guasto sine al ponte, et fo del mese d’aprile. Tode se adcavallò in favor de Peroscia et fece milli cavalli, et andaro sopre Foligni; et in questo tempo lo scentico de Terane iurò li comandamenti de Tode et promise fare annualmente certe bandiere in memoria de fedeltà et tributo, mastro Iohanni de Bonifatio et Todino, de’ meglior nota fecero li strominti; anche fo potestà meser Magno d’ Ormando da Peroscia per li altri sei misi; et fo comenzato Campotoglio in Tode.

MCCLXXXVIIII – Anche fo potestà per altri sei misi seguenti ser Oddo de Oddo per lo Communo de Peroscia; et fece el folignato comandamenti del perosino; et lo Communo de Tode fece l’altro hoste ad Nargni, et andaro perfine al ponte. Et in quel tempo furono compite le cisterne de Campidoglio in Tode, et fu facto el Piano de l’Ambeto.

Gherfi e Ghibbillini (di Jacopino)

3 Giu

Mura Torrione

GHERFI E GHIBBILLINI

Si passi quanno è notte in Piazza Grande
e chjuti l’occhi e acuzzi un po’ le recchia,
te pare de sendì strisi de bande,
jùppe le stràe de la Vallata vecchia.

‘No scarpitìo dei ferri dei cavalli,
lo sferracchià de l’armi indé l’agguato,
‘na lotta jìta avandi a più intervalli,
crìa e pu’ silenzi, segni der passato.

Fu ‘sta Città de granne gròlia onusta.
Illustri l’omi d’arme e i cittadini,
vandano sandi e eroi, storia vedusta.

Mo so’ passati i secoli e i todini,
(comme se dice?) cosa bona e giusta,
proseguono a fa’ i Gherfi e i Ghibbillini.

Jacopino da Todi 3 giugno 2014