Archivio | agosto, 2014

LA CRONICHA DE LA EGREGIA CITTÁ DE TODI (quarto stralcio)

24 Ago

LA CRONICHA DE LA EGREGIA CITTÁ DE TODI
(di Joan Fabrizio degli Atti)
Quarto stralcio, tratto dal libro “Le cronache di Todi”

ameria

Ameria

MCCCVIII – Et a dì XII de magio Amelia se ribellò ad Tode et non fece el cirio consueto a la festa de Sancto Fortunato, como era usato fare per tributo; et procedette per comanda¬mento de Guido Carlone de Roma, potestà d’Amelia per li romani, el quale se intendeva cum li gibillini de Tode secretamente per levare lo amerino da tale hobligatione. Et in questo tempo fo compito de votare laco de Sancto Fostino.
Et per cascione che Amelia non fece el solito tributo ad Sancto Fortunato benedetto, intrò gran discordia et varietà tra el populo de Tode et li grandi homini; et Tode perdì li comandamenti de Amerino; et in kalen. de luglio per sei misi ser Ugolino de Colle intrò difensore; et fo venduto el tenitorio de Montemarte, quale haveva. comperato el Com¬muno de Tode da li conti de Corbara per prezo de XXVmilia fiorini, et Xmilia fiorini la pena de l’hoste de Fuligni et XXmilia libre cortonese; et ècce in questa vendita el Com¬muno de Tode et le communanze quale haveva Tode et lo Comune ne la tenuta del Quatro et de Roscialischi et del Doglio; et tutte queste terre et. posessione dagemmo per XXmilia libre; et ad fare questa compera fo centoseptanta homini ciptadini de Tode, et facto lo scentico per consiglio a dì XXVII de novenbre, per mano de ser Ceccho notano de le reformascioni del Communo; et fo in questo tempo but¬tata una data per consiglio in questo assetto, cioè L soldi per fuocho, XXX per capo et XX soldi per cento de extima, per tutta la ciptà et contado de Tode, quale pagava de tributo a la Chiesia ogni anno XXXIImilia fiorini d’oro, como appare al libro de le riformascioni per mano de decto ser Ceccho.

MCCCVIIII – Meser Ranieri de Gualterotto de’ Lanfranchi fo potestà de Tode per lo Communo de Pisa, eletto da’ todini: intrò in kalen. de iennaro; et fo la rotta d’Amelia, et focce grande battaglia fra la parte ghelfa et gibillina in Amelia; et mandaro ad Tode per soccurso, et mannòce el tudino grande gente de cavalieri et pedoni cum balistrieri incontra ad meser Karlo de la parte ghelfa d’Amelia: et andaro ad XXIIII de marzo, et a dì XXV del decto forono cacciati li ghelfi et meser Karlo.
Ancho fo potestà el decto Communo de Pisa; mannòce meser Lelmo de meser Ranieri de’ Gualandri: intrò in kal. de luglio; et a dì VI del decto, Ufriducciolo d’Alviano inseme cum meser Carlo d’Amelia tolsero Iovi et cacciarne Francesco e’1 Ghezo; [….) insieme col Commune d’Amelia / et con parte de’ cavalieri de Tode forono ad Alviano et cacciarne fora meser Karlo et Ufreducciolo: hebero Alviano et dato in mano ad ser Bindo da Baschi; et non se posette adcon¬ciare fra loro.
Ancho in questo milleximo el primo venerdì de novenbre ne la badia de Farfa s’asenbrò Stefano et Sciarra Colonna et lor parte contra de meser Gentile et. Pozello (?) de meser Orso et lor parte: et in questo [dì] ne fo battaglia tra loro in campo, et fo sconfitta la parte de meser Gentile de Ponzello (? ), et forno molti morti et presi per li Colonnesi, fra quali ce fo preso meser Riccardo da la Grotta, Anibaldesco et altri grandi romani, et forono menati priscione ad Pelistrina; et lì stava meser Iaco de la Colonna cardinale in servitio de quilli de la Colonna; et forono cinquanta cavalieri de Tode, et fo lor capitano Bindo da Baschi; et questo favore increbe assai a la communa gente de Tode. Et a dì XIII de novenbre Francesco d’Alviano per sé et como procurator del Ghezo, suo fratello, et Continaccio de Ranucole de Iaco Brunello, notario de Tode, coma procuratore de Andreuccio de meser Karlo, renovaro le carte et dierse al Communo de Tode cum tucte le lor terre et tenute d’Alviano et de Guardegie: et de questo ne fo rogato Iacovello de ser Iohanni de Salvatore da Tode notario; et questo hebbe effecto perché se intesero cum la parte ghelfa de Tode.
Et in questo milleximo Ufreducciolo et Ugolino et Ufre¬duciolo de madonna Noria se diero al Communo de Orvieto; et fo contra la voglia del Communo de Tode; et mandòce el / Communo de Tode ad Orvieto una grande inbasciata da sua parte, che non li volesse ricevare cum ciò sia cosa se fossero dati al Communo de Tode; et lo Communo d’Orvieto non lassò che ogni modo li recevette.

MCCCX – Meser Anibale de meser Riccardo da la Rota (?) de li Anibali fo potestà; et deveva venire in kalen. de iennaro, et per la presa de meser Ricardo sua patre non possette venire. Fo facto rectore per lo mese de iennaro ser Ugolino de Celle, quale era difensore.
Anche fo rifermo per meno febraro, et intrò per potestà Pochaterra da Cesena per sei misi. De mercordì, la festa de Sancta Maria de marzo, fo la battaglia tra li ghelfi et gibillini de Spoliti; et in questo dì [venne] Bindo de Bussa da Baschi cum gran gente de cavalieri et peduni de Tode et del contado in favore de la parte gibillina, et cacciarono fora de Spoliti la parte ghelfa. Et lo iovidì a dì XXVII de marzo tressero li perusini perfine ad Fuligni in favore de la parte ghelfa, et retornàrse inderieto; et decto dì Corrado d’Anistascio intrò in Trievi cum gente et hàberlo; et per lor mal principio ne fuorono cacciati la nocte sequente cum lor gran vergogna.
Adì XVII d’aprile, el iovidì sancto, fo iurata ferma la compagnia de Tode, meser Corrado. de madonna Cristiana et Lamberto de Pietro Berarduccio: et fo el notario ser Iaco de ser Iohanni del Senatore.

Annunci

Madonna ad Nives

17 Ago

MADONNA DELLA NEVE

Madonna della Neve 008

Vari cronisti cristiani narrano che nel 352, a Giovanni, un ricco patrizio romano ed a Papa Libero, nella notte del 4 agosto, apparve in sogno la Madonna. Nel sogno, la Vergine Maria, disse loro che al mattino avrebbero dovuto cercare un sito dove fosse caduta la neve e là desiderava che fosse costruita una basilica a suo nome. Il fatto prodigioso di una copiosa nevicata, in affetti, accadde sul colle Esquilino ed allora il Papa vi fece costruire un’imponente chiesa (finanziata dal patrizio Giovanni) che prese il nome di Santa Maria della Neve. Questa vicenda, seppur riportata da storici cristiani non è comprovata da documentazione. La chiesa fu poi abbattuta nel 433, quando Sisto III volle edificare, per la Vergine, una basilica più grande. Al suo posto sorse una nuova basilica, imponente, maestosa, utilizzando il materiale di recupero della vecchia chiesa “ad Nives”. Tale basilica venne chiamata “Santa Maria Maggiore”.

Ora, prima di passare, a raccontare la leggenda che interessa la chiesa della Madonna della Neve, situata lungo la vecchia strada Tiberina (tra Todi e Collevalenza) c’è da dire che in Italia esistono moltissime chiese intitolate alla Madonna della Neve. Viene da credere che queste chiese sorgessero a seguito della leggenda di quella costruita sul colle Esquilino a Roma. In Umbria, non solo Todi possiede una chiesa con tale nome. Tornando a quella tuderte, di essa c’è memoria in documenti del XIII secolo dove viene chiamata “Santa Maria de Franconibus”. Fu eretta sopra i ruderi di una struttura più antica, che forse era un monumento sepolcrale ed, ad avvalorare questa ipotesi, c’è un sarcofago di marmo che si trova appoggiato alla parete esterna della chiesa. Si narra che la Madonna, facendo nevicare ad agosto, (le varie leggende delle tante chiese della Madonna delle Nevi, sono più o meno simili) indicasse a qualcuno il sarcofago, giacente sopra i resti del monumento sepolcrale, esprimendo la volontà che là venisse eretta una chiesa a suo nome.

Attorno a questa pesante pietra di travertino è nata poi una leggenda, che si è tramandata negli anni. Siamo, all’incirca, nel 1930, quando un certo Morghetto, della frazione di Vasciano, volle portarsi via la grossa pietra. Due robusti buoi trascinarono il sarcofago fino alle rive del fiume Naia ma lì si fermarono perché la pietra sembrava esser diventata pesantissima. Il rinforzo con altri buoi non servì a nulla, la pietra sembrava incollata al terreno. Fattasi notte, il Morghetto, se ne andò a casa con l’intento di tornare il mattino dopo per proseguire nel tentativo di trasportarla fino a Vasciano. Ma il giorno dopo, recatosi dove aveva lasciato la grossa pietra, rimase di stucco: essa non c’era più. Corse verso la chiesa e, meraviglia delle meraviglie, trovò che la pietra era tornata al suo posto, appoggiata alla parete destra della chiesa. Nei giorni a seguire, il nostro uomo, ritentò il trasporto più volte ma la pietra si faceva trascinare fino al fiume e poi tornava miracolosamente al suo posto.
Jacopino Tudertino

Madonna della Neve 007

Madonna della Neve 004

Madonna della Neve 002

Su tutto e su questa leggenda di Morghetto ed il sarcofago, se qualcuno avesse maggiori e più precise notizie da fornirmi, sarei a lui grato.

Il ratto (di Pianegiani Francesco)

11 Ago

Aquila di Todi 1

Francesco Pianegiani, poeta tuderte, ricconta, co’ quisto sonetto, la vicenna de la fondazzione de Todi. Testa è una de le tande varianti de la leggenda de l’aquila che artija, ‘nvece de ‘na tovaja, la veste de ‘na leggiadra fanciulla che stèa a bagnasse drendo tal Tevere, mendre l’omini stéano a pusà le prime pietre de la Città. Apentina (attusì se chiamàa la gioinétta) ‘nseguì l’aquila lassùne, ‘n cima tal colle, dòe el rapace éa pusato la tunica sua.
Nuda, bella comme ‘na dea, arriàta su quil posto (che pu vinne apposta chjamato Aventino), fune raggiunda da Camése, un bel giòine, vigoroso e audace, che la facette sua sposa. E lassùttulline, addòe l’aquila aéa pusato la tunica, Camése, convindo che quisto fatto fusse un segno de la vulundà de li Numi, facette costruì la Marzia Città. Taluni penzano che da Camése ciabbi preso el nome l’antica contrada de Cammuccia (o Camesia o Caniuccia). Comme già ditto, testa, è ‘na variande de la leggenda che fa de Todi, comungue, una de le più antiche città umbre.

Jacopino Tudertino

IL RATTO

Un’aquila ghermì la veste bianca
lasciata dalla vergine sul fiume,
mentre posava dopo il bagno stanca
e le membra indorava al grande nume.

Non era un sogno: ed inseguì il rapace
nuda fra i boschi su per l’erto colle,
quando Camèse, giovane ed audace,
spiava quella corsa tanto folle.

Il sole era già alto e scintillante
sul Tevere. La tunica lontana
cadde a sinistra, bella ed ondeggiante,

quasi presagio d’altra vita umana.
“Appentìna rimani qui mia amante”
e Tùtere nel bacio fu marziana.

Pianegiani Francesco

Todi conquistatrice

4 Ago
Esercito tuderte

Le soldataglie tuderti

TODI GUERRIERA
(arcopiaticcio da svariate fonti)
‘Ndei primi del 1200, Todi misse in atto ‘na vasta cambagna d’espanzione territoriale. Co’ un potende esercito de cavajeri, pedoni e arceri, sottomisse li vari signorotti de li castelli attorno ta la Città. Je resitèa Montemarte che era protetto da Orvieto. La smania e la superbia che l’animàono, facettero sìne che le crìa de guerra de li todini se cumingiorono a sendisse in tutta la valle del Tevere. Forte de la conzapevolezza che la Città fusse pressocché imprendibbile, per l’egreggia posizione geografica, ruesciò le sue truppe jù pe’ la valle, a la cunquista del territorio. La stradeggia dei Tuderti pundò verzo el ternano, aénno capito de nun poté inimicasse ta li piruggini e la loro potende armata, ‘mbegnata a attestà el suo dominio supra le andre città umbre. Su quil verzande s’accontendò de arrià aldillà dei fiumi Puja e Nestore, faccenno in modo de avé Piruggia comme alliàta, che la proteggesse da ‘gni attacco nimico. Defatti, ajutò la città del Grifo condro Fuligno, a la cunquista de le montagne martane. Da la parte de Spuleto, sapéa bene che le mondagne impedìano e facéano troppo risicosa ‘n’espanzione ‘nde la valle del Clitunno. Cusì comme verzo Orvieto e le terre maremmane, dòe Montemarte rimanéa el contenzioso tra le du’ città, già in attrito pe’ la supremazzia su arcune località comme: Lugnano, Aviano e Amelia. Una pulitica intelliggende che portò Todi a avecce el condrollo de tutti li verzanti pe’ sorvejà el nimico, sinza jì oltre, evitanno l’apertura de tandi fronti de guerra. L’esercito tuderte se spinze, dungue, verzo la valle del Nera. In quil periodo Cesi, Portaria, San Gemine, Quadrelli e Acquasparte, erono inquadrate nel contado tuderte. Un quadro d’espanzione territoriale e pulitica de tutto rispetto. La marzia Città era stata aggevolata da l’arcivescòo Cristiano di Magonza che avéa sottomesso Assisi e Spuleto e menzo scarcato Terni e Narni, sfiancanno cusì le dirette rivali de Todi più pretenziose.
‘Ndel 1198, co’ granne acume pulitico, Todi se sottomisse ta la Chiesa, evitanno attriti co’ Innocenzo III e ottenenno da quisto il restauro de li castelli de San Gemine e Cesi. Fùne  ‘nde l’anno 1208 che Todi firmò co’ Piruggia un patto de concordia che durò finordre el 1230, anno che segna la sottomissione de la città de Amerìa al Commune de Todi. Essenno Ameria sotto tutela tudertina, quanno Orvieto la minacciàa e avéa sottomesso Lugnano, Todi parti in tromba condro la Città della Rupe e el peggio fune evitato pe’ l’intervendo de Piruggia e del Papa e se convenì a la pace. In quisto fraggile clima de pace, se moéano i turbolendi Conti de Titignano che imperverzàono prepodenti co’ i signorotti de confine. Erìamo ‘ndel 1212. Todi stéa ‘mbegnato a fa la guerra ta Orte, a difesa de Amerìa ma mannò eguarmende parte de l’esercito e spegnette le loro velleità, sottomittenno Titignano e Baschi. L’anno doppo, diedro ordine del Papa, la Città de Tudero facette guerra ta Narnia, che ostacolàa la sua espanzione verzo la conca terernana. Un imponende esercito tuderte, rafforzato da truppe amerine e ternane, mosse condro Narni e l’assediò pe’ sei giorni, sinza riuscì, peròne, a prenne la città. Dui anni doppo se rinfocorono li dissidi e Narni fu aggridita e missa a le strette, e pe’ nun esse scunfitta, scese a patti, patti assai favorevoli pe’ Todi, che occupò difinitivamende San Gemine e quinni la conca ternana. L’azzione bellica e pulitica dei tuderti non si fermàa e l’attenzione se spostò sul verzante orvietano. Todi fecette guerra ta Orvieto e ottenne, el 15 giugno 1220. el possesso su Montemarte e la sua giurisdizzione.
Sul finì de quisto turbolento e bellicoso periodo storico, Todi se ritruàa cusì: alleata de Piruggia, amica de Fuligno e possidente de la conca terenana. ‘Na potenza militare e pulitica comme gnisunandra città in Umbria.
Jacopino Tudertino

Todi e la matita di Claudio Trotti

2 Ago

Claudio Trotti (La Torre)La Torre

Claudio Trotti (Piazza Grande)Piazza Grande

Claudio Trotti (Porta Fratta)Porta Fratta

Claudio Trotti (Porta Perugina)Porta Perugina

Circonvallazione

Circonvallazione

Claudio Trotti Consolazione

Tempio della Consolazione

Claudio Trotti Porta libera

Porta Libera

Claudio Trotti Porta Romana

Porta Romana

Claudio Trotti

Via della Piana

Claudio Trotti Sant'Ilario

San Carlo

Claudio Trotti Scarnabecco

Fonte Scarnabecco