Archivio | giugno, 2015

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Floriano Pizzichini)

30 Giu

Antologia Tuderte

 

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Floriano Pizzichini

FLORIANO PIZZICHINI

A Todi (di Floriano Pizzichini)

Adagiata nell’abbraccio di due colli,
in eterno e per l’eterno a sé ti avranno,
pallida e solitaria tutti sanno
che degli Umbri e dell’Etruria il seme accogli.
Di acuti tetti e campanili come spade
trafiggi il cielo che piange e s’ addolora,
se al tocco le campane di ogni ora,
segnano il tempo che tramuta borghi e strade.
Ricorda Roma antica quel tuo tempio
che del Bramante dicono sia l’arte
di quell’Italia rinascente si fa parte
sublime architettura sei d’esempio.
Dall’alto, affacciata alle tue Porte,
contempli la campagna contadina
nei secoli salire ogni mattina
per omaggiar di frutti la tua corte.
Nobile la tua storia e la tua razza
di vite ad altre vite incatenate
di Vescovi e di un ricco mecenate
racconta del suo Popolo la Piazza.
A chi passando guarda per altrove
spalanchi il cuore l’eco delle lodi
custode di quel Frate sei mia Todi
che nulla ti assomiglia in ogni dove.

Floriano Pizzichini

 

Aforismi, pensieri, proverbi (decima serie)

26 Giu

1926 Fonte Cesia o della Rua kc
1926

 
 
Nun se spoja ‘n ardare pe’ vestinne ‘n andro
Donne e boi dei paesi tuoi
Statte attento ai magnaòstie a tradimento
L’oro nun pija màe macchja
Jìa mejo quanno jìa pejo
Quanno trona da carche parte piòe
Ta la lavannara nun manga màe la pietra
Esse bono comme el latte de fico
Zitto statte si la bocca ango’ puzza de latte
‘Na mano lava l’andra e tutte e due làono ‘l grugno
Dio ce la manni bona i sinza vendo
Chi somenda spine, pu nun vaja scarzo
Chi dicette donna, dicette danno
Chi nasce dilinguende, dilinguende se mandiene
Còa curta nun scaccia le mosche
L’arberi tamandi fonno tanda ombra ma gnende frutti
Li Giudei e i Samaritani, tielli londani
Amicizzia rara tiettela cara
Cane nun magna màe cane
Ta certa gentaccia nun je manga la faccia
C’è chi tira el sasso e pu nisconne la mano
Si de l’andri so’ le fàe, nun te ’mbiciassi màe
El mejo combanadico è la fame
Dimme co’ chi vai e te dirò chi sei
Omo avvisato menzo sarvato
Fidasse è bene ma nun fidasse è piùmmejo
Si dormi finghé sonno hai, da magnà doppo nun ciai
Si vòi bona farina, scapa el grano dal lojo
N’è da cristiano laàssene le mano
Nun ze mette el carro davandi ai bòi
Nun te ‘mbiccià: magna, béi e tira a cambà
Quanno dai un deto te se pijono tutta la mano
E’ mejo lascià l’odore che la puzza
Si la dispenza è grama, ‘na mariuccia sfama
Nun se sputa sul piatto ‘ndo’ se magna
Mejo ride da solo che piagne in gombagnia
Mejo ta lùe che ta me
Sui gusti nun ce se sputa
El laòro allida si la mano se smòe
Peccato o nun peccato, si te va, fallo

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Jacopino Tudertino)

23 Giu

Antologia Tuderte

Aquila tuderte

Jacopino Tudertino

‘NA STORIACCIA DE PERZOLITÀ

Li nomi de li personaggi, quillo de la località so’ fittizzi e l’anno è approssimativo ma la vicenda è sacrosandemende vera.

Se stéa a l’incirca ‘ntel 1930 e Criscente e Oliva Bolognini vivéano in quil de Vallicella de Todi co’ li loro sei fiji, tre masti e tre fimmene. Criscente éa combrato un fonno de svariati ettari co’ la casa e lavoràa la terra da mattina a sera. Dovéa penzà ta le rate che je armanéano de pagà e a sfamà la famija. La vita era dura ma la suddisfazzione de sta’ a laorà sul suo je dèa la forza de tirà avandi, aiutato da Oliva e da li potti, da quilli più ciuchi a quilli un po’ più crisciuti. El laòro de li campi, speciarmende de quilli tempi, era sgrasciande: arà, siminà, mète e batte. Pu guernà le beschie, pasculà le pecure, mugnele e tosele. Pe’ l’aia curréono l’oche e razzolàono li polli. ‘Ndo li stalletti li majali ingrassàono e ‘nde l’orto crescèa ‘gni bemmè de Dio. Ta la famija nun je mangàa gnende. Li bajocchi pe’ un paro de scarpe e el damagnà, costàono sudore ma ce stéono. Pu venne el momendo che Criscente dovèa pagà l’urtima rata. L’annata n’era stata de le mijori, le spese erono state tande e lùe nun ciaéa li sordi pe’ fa’ fronte ta ‘sto graòso ‘mpegno. Era pruccupato, nun ce dormìa la notte e nun sapéa comme fa’. Ma c’è sembre un “sando” in Paradiso che curre pe’ ajutà chi se trùa male. Defatto, el signorotto de zona, che era a conoscenza de ‘sta situazzione, tal Ettore Macisti, se prufirì de ajutallo. Loggicamende vorze comme garanzia el pegno de la casa e del terreno. El sor Ettore je dette li bajocchi e Criscente, si nun je li ridàa a la scadenza pattuita, aerébbe perzo casa e podere. Criscente era siguro che, a tembo debbito, ciaerébbe aùto li sordi pe’ tené fede ta l’impegno. E attusì fùne. El giorno de la scadenza, l’ingenuo Bolognini se recò a casa de Ettore Macisti ma quillo nun se facette truà. Le perzone de servizzio del sor Ettore nun sapéono dòe stàa né quanno artornasse. Disperato, Criscente, nun riuscenno a truàllo corze in caserma e pu ta l’avvocato che avéa fatto el condratto, coi bajocchi su le mano. Pe’ un paro de giorni facette qua e làne ma sinza risurtato: er sor Ettore fu indroàbbile, le forze de l’ordine e l’avvocato, facenno el gioco de Macisti, nun je dietero ‘na mano e lùe perze la terra e la casa perché arisurtò moroso. Mo lo stabbile è stato ristrutturato, cià puro la piscina, dòe ce notano l’eredi del sor Ettore. La morale? Li squali ce so’ sembre stati e sembre ce staronno. Chissà si San Pietro ha fatto endrà in Paradiso Ettore Macisti e chi j’ha tienuto spalla?

Jacopino Tudertino

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Elio Ducati)

21 Giu

Antologia Tuderte

 

 

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

ELIO DUCATI

PIAZZAcafè

C’è chi vorrebbe trasformà la Piazza in una grande sala coi tavoli e ‘na tazza de un bon caffè da beve in compagnia de amici amanti e dame de nobbile dinastia. Fermo restando che nun è sempre bbona la staggione, el tempo è vario mica è n’opinione! ma riempì la Piazza de tavoli e sgabbelli me fa arpensà all’Antichi e a quelli che al tramonto de le mura chiudeano le Porte a tutti l’abbitanti de contadina sorte pe riaprijile poi na volta sola: si, pe’ portà a venne robba coi somari o la carriola. So’ propio contrario, mo c’avete fatto caso, a chi su ‘ste questioni ce vole mette el naso pe’ cambià tutto da come è sempre stato, ma posso dì la mia? qui ce sò nato! ‘Na volta sarei stato anche d’accordo, ma mo sò diverso, diventato ugguale a la Piazza mia che tanta “vita” ha perso. 

Elio Ducati

 

1908 TODI (di Giulio Pensi e Armando Comez)

16 Giu

Panorama fi

1908 - TODI di Giulio Pensi e Armando Comez (pag.1)

1908 - TODI di Giulio Pensi e Armando Comez.jpg (pag.2)

1908 - TODI di Giulio Pensi e Armando Comez.jpg (pag.3)

1908 - TODI di Giulio Pensi e Armando Comez.jpg (pag.5)

Giulio Pensi – Armando Comez

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Graziella Camilli)

15 Giu

Antologia Tuderte

 

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Graziella Camilli

La domenica (al cinema) a Todi (di Graziella Camilli)

Erono l’anni  ’60, io n’aveo una dicina e la domenica quarchi vorda me portaono ar cinema a Toti. Per noi de S.Terenziano Toti era un punto commerciale ‘mportante: le banche, il mercato, la fiera …..!! El fidanzato de la mi sorella c’avea un “Topolino ” scappottabile color corallo…quanno piamo ju pe, la strada de la Sabbola, con quelle curve..  ju pe quei avvallamenti che sobbalzavamo fino a sbatte la capoccia sul montante ….che c’arvenea su anchi el pranzo, co la strada de breccia….arzava ‘n porverone!!!! El mi babbo nun era tanto contento….però siccome c’ero io era tranquillo perché je faceo la “siepie” (cussi’ se diceva ta quelli che steono insieme all’innamorati). Arriamo a Toti e carchi vorta i film erano vietati ta i minorenni, allora succedeva che me parcheggiaono da la mi zi’ Peppa a Porta Romana…..e li, con lia e il mi zi’ Nello ho ‘imparato a gioca’ a carte….stiamo dentro la bettola nun se potea fa altro. Giochiamo a “rubamazzo” a “scopa”… a “briscola” fino alla noia…  e poi …faciamo un goccetto de birra WOORER e gazzzosa. VASCIANO…bbooonaaa!!!! Me pare ancora de sintinne el gusto ju pe la gola!!!! Me ricordo che la zia c’aveva la cammera quasi sul tetto…che pe salicce c’era ‘na scaletta stretta stretta e ripida e ‘na finestrella che s’affacciaa sui coppi … c’erono crisciute le bocche de lupo e altre erbacce seminate dal vento….i gatti sornioni steono a pija’ el sole e sotto c’era el pisciatoio el Vespasiano….vinia una puzza!!!!!!!! Però se vedea via Angelo Cortesi el poliambulatorio me pare se chiamaa a tusi’……Eh!!! RICORDI…RICORDI….RICORDI. Anche si nun so de Toti ogni angolo….ogni arco….ogni portone de sta città me ricorda la mia fanciullezza!
Graziella Camilli

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Laura Mammoli)

11 Giu

Antologia Tuderte

mammoli laura a

LAURA MAMMOLI

 

IL PARCO DELLA ROCCA IN UNA MATTINA DI SCUOLA

Tra i miei ricordi c’è la Rocca di quando era bel tempo e si trovava il modo di non andare a scuola. C’era il mio amico Stefano con il Caballero che mi passava a prendere e mi portava lassù, passando pericolosamente davanti allo studio di mio padre, che super mattiniero già era lì.
Si arrivava in cima la parco molto presto ed era una specie di appuntamento, perché ci si incontrava così, casualmente, ma non troppo, per trascorrere una mattinata di puro cazzeggio, fumando e chiacchierando fino a quando si poteva scendere giù, e andare a completare l’opera dentro al Bar Duomo, dove c’erano altri “evasi” che da ore stavano giocando a biliardo.
Non c’erano registri elettronici e sms alle famiglie, allora, la salina era un’opera d’arte consumata in piena libertà.
Essere stata un’alunna che di tanto in tanto si godeva quella libertà mi rende più tollerante e quasi complice di qualche studente che ora, da insegnante, mi capita di incontrare in orari sospetti, anche se la paura della denuncia gliela lascio stampata nella faccia, dopo tutto ho un ruolo più che istituzionale.
Ma quelle mattinate alla Rocca sono ricordi che rimangono vividi nella mia memoria, forse per il brivido della trasgressione, o forse perché semplicemente mi divertivo tanto e conoscevo sempre persone nuove, salinari di primo pelo, come me, insieme a quelli per cui saltare le lezioni era una specie di missione.
La pacchia finì una mattina di giugno, durante una di quelle fughe che quasi ti potevi permettere perché la scola era praticamente finita. Avevo 16 anni, e stavo beatamente sdraiata sul prato di margherite con il mio fidanzatino di allora, senza sapere che era arrivato in visita uno zio, e mia madre aveva pensato di fargli visitare il parco della Rocca.
Non è stato un bell’incontro quello.
Da quel giorno non ho più potuto saltare l scuola, mi dissero che il preside avrebbe personalmente avvisato la mia famiglia se non mi fossi presentata in classe, ed io ci ho dovuto credere per forza.
Sulla Rocca ci sono quindi tornata solo di pomeriggio, ma ci tornavo comunque perché era lì che succedeva tutto o quasi. Negli anni ’70, difatti, l’amore a Todi era timido e nascosto, e aveva quasi sempre quello scenario………..

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Patrizia Mammoli)

11 Giu

Antologia Tuderte

 

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Patrizia Mammoli

PATRZIA MAMMOLI

IL VEGLIONCINO DEI PICCOLI (di Patrizia Mammoli)

Io la dama del 700 che facevo il mio trionfale ingresso al teatro comunale. C’era il veglioncino dei bambini, veglioncino famoso a Todi per il suo carnevale. Quella maschera così bella così rifinita perché copiata dall’originale era la soddisfazione più di mia mamma piuttosto che la mia. Io volevo vestirmi da margherita e l’abito l’avevo provato nel negozio della Sonia Verducci, situato davanti al bar Biganti. che offriva una vasta gamma di maschere floreali Ricordo ancora l’odore delle maschere unito a quello delle frittelle che emanava la pasticceria difronte. Mi sono rimasti impressi quegli odori sempre e ogni carnevale li sento ancora è mi danno quel sapore di “una volta”, una volta quando il poco ci faceva sembrare tutto tanto. La mamma comunque era stata brava a convincermi e così, al posto dell’amato fiore, diventai una vera damina. Bello l’abito confezionato con cura, pronto per essere messo in discussione davanti a una giuria che premiava la maschera più bella. Quel giorno era arrivato a Todi, piena come non ricordo mai più negli anni a seguire di mascherine di ogni genere. La mamma e le amiche dI sempre, intanto all’ingresso sceglievano i palchetti dove trovavano la loro sistemazione strufoli e frappe preparate con tanta euforia nei giorni precedenti all’evento. Nella sala del teatro la festa cominciava tra musica e coriandoli, canti e balli ai quali noi bambini partecipavamo con entusiasmo che i ragazzi di oggi possiedono ma in modo più’ controllato”. Noi invece eravamo gioiosi, felici e le nostre mamme, forse più di noi. Era un’occasione per stare tutti insieme in allegria e attendere l’arrivo a sera tarda dei papà che tornando dal lavoro, a differenza di oggi, trovavano il tempo per unirsi a noi. Ecco, io ricordo piccoli aneddoti, ma molto importanti per il mio futuro. Lo sono stati. Ho cercato perché di riproporre tutto questo ai miei figli cercando di coinvolgere me stessa e mio marito. Come facevano i genitori un tempo sono felice di portare dietro questi ricordi che hanno allietato le serate dei miei figli quando erano piccoli, come delle favole. 

Patrizia Mammoli 

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Tiziana Marta)

10 Giu

Antologia Tuderte

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

marta

TIZIANA MARTA

 

 

 E LA ROTA GIRA

Come erono belli i tempi passati! La gente se diertìa e i grii de li potti risonaono pe’ li vicoli de Todi. Ce se diertìa co’ poco e a tutti piacea prenne del tempo da passà ‘nsieme. ‘Na volta i negozianti de Vulpiana faceono de tutto pe’ stà ‘n compagnia e arcontasse. Organizzàono anche festicciole e cenette tra de loro, nun erano solo amici, ma fratelli. M’ arcordo che la mamma mia, litigàa tal fratello mio, Carletto, perché stea sempre su la porta de la pizzeria a chiacchierà ‘nvece de aiutaje e quanno che pe’ ‘l corso nun passàa nissuno, i bottegai se fistiaono o se chiamaono da lontano, pe’ pijasse o pija ‘n giro. Quante je ne faceono pruà da quilla pora Bina de le scarpe! Mo aemo risolto el poblema de le paraculate, nun ce stonno più i negozi e manco l’amici!!! Resistono ancora solo: la “Serenella”, el “Bulova”, l’Annalisa col “Bar Matteotti” e l’ Ernestina col “Paradise”. In compenso ’onno uprito a tutta callara “Agenzie ‘mmobiliari”, sì, perché tutti vojono venne casa pe’ ji all’estero o mejo ‘ncò pe’ pagà li debbiti che t’ha fatto fa l’goèrno, pe’ campà ‘n antri du’ giorni. Anchi l’ospitale ‘onno portato via, così, se nun arrii presto a Pantalla, te tocca da murì pe’ la strada. Gente mia, cosa c’ armane della storia mia! Se prima era tutta ‘n allegria, mò c’è solo voja d’annà via! Quanno che vai in giro pe’ Todi, n’arconosci più nissuno e nissuno te se ferma a chiacchierane po pò, tutti ‘onno prescia de ji a fa’ che?! Nu’ lo so. Te poi pure scapocollà, ma stà sicuro che nissuno t’arcoje. Ma io dico: “ Avardateve bene che quanno se stà su ‘n fonno de letto, sia esso de casa che de l’ospitale, s’apprezzono più li momenti de compagnia e de fratellanza, che quilli de la “prescia” e del “ nun c’ho aùto tempo da venitte a trovà!”. E la ròta gira.

TIZIANA MARTA