Archivio | giugno, 2015

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Patrizia Mammoli)

11 Giu

Antologia Tuderte

 

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Patrizia Mammoli

PATRZIA MAMMOLI

IL VEGLIONCINO DEI PICCOLI (di Patrizia Mammoli)

Io la dama del 700 che facevo il mio trionfale ingresso al teatro comunale. C’era il veglioncino dei bambini, veglioncino famoso a Todi per il suo carnevale. Quella maschera così bella così rifinita perché copiata dall’originale era la soddisfazione più di mia mamma piuttosto che la mia. Io volevo vestirmi da margherita e l’abito l’avevo provato nel negozio della Sonia Verducci, situato davanti al bar Biganti. che offriva una vasta gamma di maschere floreali Ricordo ancora l’odore delle maschere unito a quello delle frittelle che emanava la pasticceria difronte. Mi sono rimasti impressi quegli odori sempre e ogni carnevale li sento ancora è mi danno quel sapore di “una volta”, una volta quando il poco ci faceva sembrare tutto tanto. La mamma comunque era stata brava a convincermi e così, al posto dell’amato fiore, diventai una vera damina. Bello l’abito confezionato con cura, pronto per essere messo in discussione davanti a una giuria che premiava la maschera più bella. Quel giorno era arrivato a Todi, piena come non ricordo mai più negli anni a seguire di mascherine di ogni genere. La mamma e le amiche dI sempre, intanto all’ingresso sceglievano i palchetti dove trovavano la loro sistemazione strufoli e frappe preparate con tanta euforia nei giorni precedenti all’evento. Nella sala del teatro la festa cominciava tra musica e coriandoli, canti e balli ai quali noi bambini partecipavamo con entusiasmo che i ragazzi di oggi possiedono ma in modo più’ controllato”. Noi invece eravamo gioiosi, felici e le nostre mamme, forse più di noi. Era un’occasione per stare tutti insieme in allegria e attendere l’arrivo a sera tarda dei papà che tornando dal lavoro, a differenza di oggi, trovavano il tempo per unirsi a noi. Ecco, io ricordo piccoli aneddoti, ma molto importanti per il mio futuro. Lo sono stati. Ho cercato perché di riproporre tutto questo ai miei figli cercando di coinvolgere me stessa e mio marito. Come facevano i genitori un tempo sono felice di portare dietro questi ricordi che hanno allietato le serate dei miei figli quando erano piccoli, come delle favole. 

Patrizia Mammoli 

L’ANTOLOGIA TUDERTE: “Quanno el calmajo è el còre” (Tiziana Marta)

10 Giu

Antologia Tuderte

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

marta

TIZIANA MARTA

 

 

 E LA ROTA GIRA

Come erono belli i tempi passati! La gente se diertìa e i grii de li potti risonaono pe’ li vicoli de Todi. Ce se diertìa co’ poco e a tutti piacea prenne del tempo da passà ‘nsieme. ‘Na volta i negozianti de Vulpiana faceono de tutto pe’ stà ‘n compagnia e arcontasse. Organizzàono anche festicciole e cenette tra de loro, nun erano solo amici, ma fratelli. M’ arcordo che la mamma mia, litigàa tal fratello mio, Carletto, perché stea sempre su la porta de la pizzeria a chiacchierà ‘nvece de aiutaje e quanno che pe’ ‘l corso nun passàa nissuno, i bottegai se fistiaono o se chiamaono da lontano, pe’ pijasse o pija ‘n giro. Quante je ne faceono pruà da quilla pora Bina de le scarpe! Mo aemo risolto el poblema de le paraculate, nun ce stonno più i negozi e manco l’amici!!! Resistono ancora solo: la “Serenella”, el “Bulova”, l’Annalisa col “Bar Matteotti” e l’ Ernestina col “Paradise”. In compenso ’onno uprito a tutta callara “Agenzie ‘mmobiliari”, sì, perché tutti vojono venne casa pe’ ji all’estero o mejo ‘ncò pe’ pagà li debbiti che t’ha fatto fa l’goèrno, pe’ campà ‘n antri du’ giorni. Anchi l’ospitale ‘onno portato via, così, se nun arrii presto a Pantalla, te tocca da murì pe’ la strada. Gente mia, cosa c’ armane della storia mia! Se prima era tutta ‘n allegria, mò c’è solo voja d’annà via! Quanno che vai in giro pe’ Todi, n’arconosci più nissuno e nissuno te se ferma a chiacchierane po pò, tutti ‘onno prescia de ji a fa’ che?! Nu’ lo so. Te poi pure scapocollà, ma stà sicuro che nissuno t’arcoje. Ma io dico: “ Avardateve bene che quanno se stà su ‘n fonno de letto, sia esso de casa che de l’ospitale, s’apprezzono più li momenti de compagnia e de fratellanza, che quilli de la “prescia” e del “ nun c’ho aùto tempo da venitte a trovà!”. E la ròta gira.

TIZIANA MARTA