Mango un cane (Jacopino Tudertino)

21 Nov

Piazza Grande nel 1932

1932 – C’era più gente allora che oggi

MANGO UN CANE

Piuìccica e fa un freddo, che tembaccio!
So’ jito in Piazza pe’ combrà el giornale,
ho biùto un caffè tal bar Centrale,
pu me so’ chiesto moscio: “Mo che faccio?”
“Che voli fa’?” Me so’ pronto arisposto.
“Nun ce sta mango un cane né un padrone.
In menzo a Piazza, l’unico cojone,
siresti te. Nun stemo a ferragosto.”
Parlanno ‘ndra me e me, comme ‘no scemo,
io me so’ ditto: “Un fatto è piucché certo,
va bè’, sirà noèmbre ma ce sèmo
accorti ch’el futuro è tando incerto?
Che Todi ormàe è arriàta a un punto estremo,
che più che ‘na città pare un deserto?”
Jacopino Tudertino – 21 noèmbre 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: