L’Antologia Tuderte: quanno ‘l calamajo è el còre (Marco Marchetti)

10 Gen

Antologia Tuderte

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

Marchetti 2MARCO MARCHETTI

PARLA L’AQUILA (di Marco Marchetti)

“Quanno me tocca tribbolà cocchi mia, tutto el giorno, tutti i giorni c’ha fatto ‘l Signore, a scelle larghe, appiccata ta quil muro, notte e giorno, istate e inverno. Deteme retta, che nu’ lo putesse pruà gnisuno. Tando, ta quill’andro, poéretto, li bracci je l’éano appiccati, io ‘nvece, tieni ‘mbò su quille scelle de bronzo pesandi  ‘ngangarite!Cocchi mia credeteme nun je la faccio piùne. Nun bastasse, pu, m’onno messo tullì ta quilla passata, che quanno tira tramondana da Piazza Garibbardi, te se gelono le recchia, anghi si n’ce l’ho. Però cocchi mia, quille mattine de primaéra, quanno el sole viene sùne da li Mondi Martani e, piano piano, allumina i tetti, el Domo e pu la Piazza, allora me scordo el tribbolà, el core me se sfragne e a l’improvviso…volo.  Volo jù, supra la valle e arvedo el Tevere che scegne jù verzo el Forello, ch’è armasto supperjù comm’era allora. Allora, quanno ho portato via la tovaja ta quei  villani latri, che voléano fa’ Todi jù ’ntel  Piano, fortuna c’ero io, sinnò sul colle, co’ ‘ste capocce, ce facéano la zona ‘ndustriale. Volo supra Mondesando, el tijo, supra San Giacomo, la Conzolazzione e pu la Rocca. Me accoàccio ‘n po’ su pe’ la punta del cambanile de San Fortunato e, soddisfatta del giretto, artorno sul patollo, allargo le scelle e aringrazzio Dio de tutta ‘sta bellezza. Comme ‘n guardiano viggilo su Todi, n’ho visti tandi da passà, io ve arconosco tutti, quindi volete bene ta Todi, nun fate i somari, perché si scegno jù so’ cacchi amari.”
Marco Marchetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: