Archivio | agosto, 2016

Todi e le sue monete etrusche

30 Ago

MONETE ETRUSCHE

Tratte da “Todi e i suoi castelli” di Franco Mancini, ecco una serie di monete tuderti del periodo etrusco. la cornucopia, la testa del satiro, la troia con i porcellini richiamano la coltivazione dei campi e la loro fecondità. La punta della lancia, il guanto atletico e le clave si rifanno al culto di Ercole e del dio Marte. L’ancora simboleggia l’ardire di navigazione e il commercio. L’amore per la musica e l’arte è dimostrato dalla lira, mentre il cane accovacciato afferma la cultura del focolare e quindi della famiglia. In quasi tutte le monete appare l’iscrizione retrograda TVDERE o abbreviata in TV.

Monete etrusche di Todi

 

Annunci

PRETI TUDERTI, EROICI PATRIOTTI

25 Ago

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

PRETI TUDERTI, EROICI PATRIOTTI

Se stéa ‘ntel millottocendodiece e Napoliòne ‘mpose tal clero cattolico italiano un giuramendo, col qualo je se promettéa federtà e ubbidienza. Quilli che giuràono facéano atto de sottomissione ta Bonaparte, pijanno imbegno de nun aderì ta nisciun cunzijo o lega che aéssero el fine del turbamendo de la chete pubbrica. Li preti doéono anghi giurà che, venenno a conoscenza de inghippi e trame condro lo Stato, sirebbero doùti curre a ‘nformà l’imperadore, facenno la spia ta l’utorità. A Todi nun ebbono a sottoscrìe el testo de testo giuramendo li sequendi patriottici eroici preti:
CANONICO PIETRO ROCCHI
DON FILIPPO ANGELI, parroco de Mondenero
CANONICO INNOCENZO MARIANI
DON TOMMASO BATTISTI, parroco de Chioàno
CANONICO PIRRO ATANASIO ALVI
Onore e grolia pe’ testi preti tuderti, li quali, pe’ quista coraggiosa ribbellione, funno tutti deportati a Calvi in Corzica.

 

L’Antologia Tuderte: quanno ‘l calamajo è el còre (Luciana Pizzichini)

24 Ago

Antologia Tuderte

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Luciana Pizzichini

LUCIANA PIZZICHINI

 LE MURA

Nun ce crederesti mai, ma ‘nvece è vero,
riesco a fa’ ‘l giro de Todi, tutto intero!
Beh!… da qualche parte è ‘n po’ pericoloso,
nun so bene dove mette’ ‘l piede, do’ lo poso!
Pensavo, “Ce vorrebbe dappertutto ‘l marciapiede!”
Qualche mese fa, all’improvviso, ‘n ce se crede,
se mettono a leva’, a sinistra del mio giro, ‘n po’ de piante.
“Se so’ decisi al grande passo finalmente.”
Dopo un po’ riesco a vede’ ‘l muro medievale,
se je danno ‘na ‘ccommodata nun è male.
Prima solo sul disegno de la carta se vedeva,
e la cosa penso a più d’uno nun piaceva.
Vicino al bastione c’è un punto ch’era crollato
e me dispiace, nun l’ho mai fotografato!
Eh sì, perché adesso i geni l’hanno ritirato su
e ‘l muro medievale, che mo è tutto bianco, nun c’è più.
‘l disegno e la legenda tocca arfà su tutti i manuali
e mette’ che ‘ste mura nun so’ de prima, ma attuali.
Dopo tutto, almeno, ‘l marciapiede ce lo fate?
O tocca continua’ a rischia’ le passeggiate?

Mo ‘na grande paura me prende ‘l core e me lo schiaccia:
‘n è che vojono artira’ su anche la “Portaccia???”

Luciana Pizzichini.

 

EL MERCATACCO

Più passano l’anni e più arsomijo ta la mamma mia: l’Amelia.
L’Amelia era ‘na donna a la bona, di poche parole e je sarebbe piaciuto sta’ da ‘na parte, sinza annà mae duelle. ‘nvece le vicende de la vita l’eono portata a esse ‘na commerciante: c’ea ‘l negozio suo al paesino, ma, col fratello mio più grosso, era ‘nchi ‘mbulante.
V’arcordate quanno ‘l mercato a Todi, stea al “Mercataccio”? Beh, ‘l banchetto suo de casalinghi era ‘l primo a partì da lo spigolo, quillo del deposito dei volontari dei pompieri.
L’istate, quanno la scola era chiusa, el sabbito mpo’ de vorte annao co’ lia; aiutavo a sistemà tutta la robba e pu guardao la gente passà, speranno che se fermasse a comprà. ‘n c’erono i supermercati ‘llora la gente de Todi approfittaa del sabbito per fa’ la spesa mejo . Per quillo che m’ arcordo, ‘ incassi ‘n erono quasi mae boni, ma el “Mercataccio” armane per me el posto del mercato, el solo. Doppo l’onno spostato al viale della Conzolazione, pu nel piazzale vicino li campi da tennis, pu nel parcheggio lì sotto, pu dietro lo Zodiaco e ‘nfine do sta ‘nchi oggi, in viale del Crocefisso. Ma voi mette col …”Mercataccio”?
Luciana Pizzichini