Archivio | agosto, 2017

Le mano mia (Jacopino Tudertino)

30 Ago
LE MANO MIA (Jacopino Tudertino)
El primo viso è quillo de la mamma
che teste mano mia, da pargoletto,
accarezzonno, dorgi e co’ rispetto.
Doppo c’è stata più che carche fiamma,
’na vita de alliciate a quista o quilla,
tande donne a le quale ho dato amore.
Quande carezze pregne de pudore,
gesti amorosi, ma nemmango a dilla!
Pu l‘anni so’ arriàti, io lo so quanti!
Le mano mià se so’ fatte rugose,
malferme, ossute, gracili e tremanti.
Ma so’ arimaste sembre vigorose,
orquanno ciònno d’esse carezzanti
pe’ le nipoti, petali de rose.
Annunci