LA LEGGENNA DE LA CASCATA DE LE MARMORE

21 Mar

 

LA LEGGENNA DE LE MARMORE

Inzù la rupa stava er pastorello
e scorze stesa ar sole ‘na ciumaca:
Nerina, bella e bionna de capello,
tant’è che lui d’amore se ‘mbriaca.
Velino fa la ronna, fa er baggeo,
ma lei arisponne sempre: “Marameo”.
Lui piagne e fiotta ma lei manco sente.
Tutto annicito allora chiede agliuto
ar dio Cupido ch’arrivasse urgente
pe’ stramutà in amore quer rifiuto.
Lei profidiosa e altera, co’ ‘no strido,
ardice none e fa incazzà Cupido.
Allora er dio, senza perché e percome,
la butta ingiù nell’acqua del torente.
Per questo er Nera adesso cià ‘sto nome.
Nerina è er fiume e va co’ la corente,
tra gnauli e pianti pe’ ‘sta malasorte,
giù pe’ la valle lungo vie distorte.
Ammalappena lui vene a sapello
sbotta in un pianto rotto e disperato.
Le lagrime divenneno un ruscello,
che da le mano umane viè aiutato,
inzino a fa’ un ber sarto, ‘na cascata,
che scapicolla giu pe’ la vallata.
Cascata de le Marmore se chiama,
indo’ el Velino zompa da la roccia
riempenno de vapori er panorama,
mistianno infinarmente, goccia a goccia,
Velino co’ Nerina. ‘Sta vicenna
ricconta de ‘st’amore la leggenna.
Pasquino da Todi XXIV II MMVI

 

cascata-delle-marmore

cascata-marmore

cascata-marmore-tv

2014-cascata-delle-marmore

marmore

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: