Archivio | febbraio, 2016

L’Antologia Tuderte: quanno ‘l calamajo è el còre (Rosa Anna Pini)

13 Feb

Antologia Tuderte

Scrìi e aricconda un episodio de vita che se riallacci ta la nostra Città e concernente el rapporto sendimendale che ciài aùto o ciài anco’ co’ lìa. L’argomendo nun è vincolato e pote ariguardà le più svariate sfaccettature (meno che quille pulitica e ministrativa) de la nostra comunità tuderte. I laòri non déono esse pubbricati su la paggina del Gruppo “Sei di Todi se……” ma inviati a: jacopino.tudertino@libero.it. Pubbricherò co’ piacere, sul blogghe de Jacopinodatodi, li vostri scritti. Ah, la penna sirà la mano ma ‘l calamajo dèe da esse el core. Grazzie.

 

Rosa Anna 1

ROSA ANNA PINI

ANDREA E LI ZERI

La famija mia, paricchi anni fa, c’éa la metitrebbia e ‘na macchina che s’attaccàa tal trattore pe fà’ le presse. Se trebbiàa pe’ l’andri e doppo aé trebbiato c’era el garzone nostro che java a fà ‘ste presse. ‘St’omo se chjama Andrea e poeretto, nun sapenno né legge né scrìe, facéa casino e quanno annàa a pressà pe’ l’antri nun s’aricodàa mae quante presse éa fatto, allora la mamma mia armanaccò un quarchi cosa pe’ nun fallo sbaià. Lìa te pija un quaterno e ce fa tutti quadri comme quilli che stéono su la macchina pè contà le presse e doppo svariate ore d’ensegnamendo lo mannò a pressà. Lue c’éa pe’ ‘gni famija un fojo e sapéa che dovèa fà, prima aéa da scrìe i nummeri ‘nto le caselle pu azzerà e annà da n’antro posto e fà l’istessa cosa. A sera arportàa tutto a casa e ‘na vorda la mamma va a vedé el quaterno pe’ condrollà e trùa che Andrea  éa signato 1800 presse tà un contadinuccio che c’ea solo un cambo cinino cinino. Allora mamma fa tal garzone: “Che hai scritto? millottocendo? ‘mpussibbile !” e quill’antro, che poretto se modera poco, ‘ncumincia subbito a ballà: “Ve dico che è cusi!” “ Te sei sbajato!” “ Nòne, porco qui porco là, so’ sicuro ch’è cusine!” Doppo scambi de sìne e de nòne, siccomme era notte vanzata, onno preso la torcia e so’ jiti ‘nto la cappanna a condrollà i nummeri su la pressa de quil contadino ch’era stato l’ultimo che éa fatto. La mamma punda la luce, guarda, vede che è 180 e je dice: “Lo vedi, lo vedi testone? So’ 180 e no 1800 comme hai scritto te! Te ciài messo un zero de più!” E lue: “Porca qui porca là, jate a fa’ ‘n culo vùe e le presse! Aéte fatto tutto ‘sto casino pe’ ‘ no zero in piùne che nun conda gnende?”
Rosa Anna Pini
Annunci

Pantalla nel tempo

2 Feb

1908

1908

1918 Pantalla nel 1918

1918

1920 (Via per il Castello)

1920 Via per il castello

1924 (la trebbiatura)

1924  La trebbiatura

1933

1933 Costruzione scuola

1938 (Sfilata dei Balilla)

1938  Sfilata dei Balilla

1960 Traghetto a Fratta Todina

1960  Il traghetto

2016-pantalla

2016 panorama

La barcarola

La barcarola

Pantalla (Chiesa di San Giovanni)

Chiesa di San Giovanni

Pantalla (il castello)

Il castello

Pantalla fornace

La fornace

Pantalla Osteriaccia

Osteriaccia

Pantalla rg

Porta del castello

Pantalla panorama 1

 

La barca tra Pantalla e Fratta Todina

ELEUTERIO BRANZANI

2 Feb

BRANZANI ELEUTERIO

La sua famiglia era ferventemente patriottica. Egli nacque a Todi nel 1833, pittore con una fedele visione descrittiva ha prodotto opere con vedute di Todi, elaborazioni frutto di studi su documentazioni. Suo padre, artigiano sellaio, in occasione della permanenza a Todi di Garibaldi, essendo Anita incinta, fece un’apposita sella per farla più comodamente cavalcare. In cambio del suo lavoro volle che gli si lasciasse quella che l’eroina aveva usato fino a quel momento. Questa sella si trova nel Museo cittadino, perché poi Eleuterio la donò al Comune di Todi. L’attività pittorica del Branzani fu possibile soltanto in età matura, poiché dedicò la sua giovinezza all’impegno politico e patriottico. Si arruolò volontario nelle fila della seconda guerra d’indipendenza e poi seguì Garibaldi nel 1860, partecipando, assieme ad altri tuderti, come Francesco Morandi ed il conte Giacinto Pongelli, alle battaglie di Calatafimi, Milazzo e Volturno. Soltanto nel 1870 diede soddisfazione al richiamo artistico. Partecipò a importanti esposizioni perugine (1879 e 1899). Morì a Perugia, all’età di ottantatré anni, nel 1916.

1913 Branzani b

2015-12-15 branzani 003

A 2015-12-15 branzani 2 001

Branzani 5

Branzani

Eleuterio Branzani (il Mercataccio)